Energia elettrica a Milano: come risparmiare 

L’energia elettrica influisce sulla spesa delle famiglia pesantemente. I suoi costi nel tempo sono aumentati, seppur costantemente sotto il controllo dell’Agenzia per l’energia. Tra i costi maggiori vi sono quelli per il dispacciamento e ovviamente la parte di tasse. Ma rimane tutto la parte dedicata alla materia prima su cui è possibile spuntare un margine di risparmio. A Milano così come in altre città è possibile preferire fornitori del mercato libero caratterizzati da tariffe molto vantaggiose.

energia
Energia elettrica a Milano? Ecco come risparmiare

Il mercato libero è caratterizzato da una massima concorrenza tra fornitori garantendo all’utente finale la possibilità di fruire di servizi di qualità e prezzi migliori rispetto al mercato di maggior tutela.

Energia elettrica a Milano, ecco come risparmiare sul serio

Se sei di Milano e ti stai lamentando della bolletta energetica troppo elevata, puoi fare qualcosa per migliorare la situazione. Innanzitutto valutare le offerte energia elettrica comparandole attentamente. Abbiamo provato a farlo noi, simulando la spesa di una famiglia milanese di 3 persone che utilizza l’energia elettrica al 50% di giorno e l’altro 50% nelle ore serali consumando circa 2690 kWh l’anno. Abbiamo preventivato l’utilizzo di alcuni elettrodomestici come:

  • forno, 
  • lavatrice,
  • frigorifero.

Ai primi posti per economicità si trovano: Sorgenia, Enel e Illumia. Vediamo cosa offrono.

I fornitori più economici su Milano

Sorgenia propone la tariffa Next Energy Luce. Si tratta di una offerta monoraria che costa 0,06396 €/kWh. La spesa stimata annua per la famiglia campione è di 442 euro. L’offerta prevede un prezzo unico dell’energia elettrica monorario, uguale per tutte le ore e per tutti i giorni. Inoltre il prezzo è bloccato per 12 mesi. A tutto ciò si aggiunge il vantaggio del pagamento con addebito automatico su conto corrente (SDD), senza alcun costo aggiuntivo e la possibilità di partecipare alla raccolta punti Payback, il principale programma fedeltà multipartner italiano.

L’energia erogata è green, proveniente da fonti rinnovabili. Oltre a far del bene al portafoglio si fa del bene quindi anche all’ambiente.

Scopri Next Energy

Enel propone invece e-light. Una tariffa monoraria in questo caso ad un costo di 0,03690 €/kWh che si traduce in un costo annuo medio di 460 euro. Anche in questo caso il prezzo è bloccato per 12 mesi, l’energia fornita è verde e in più sono offerti i seguenti servizi:

  • Raccolta punti Enelpremia 3.0;
  • Bolletta elettronica;
  • Servizio Notifiche SMS;
  • Carta Vantaggio EnelMia che permette di usufruire di sconti in varie attività commerciali.

Illumia Smart Web propone una tariffa monoraria che costa 0,03800 €/kWh. Il costo stimato per l’anno è di 463 euro. A differenza delle altre due, l’energia fornita non è green, ma lo può essere pagando due euro in più al mese. Illumia permette di risparmiare anche sul costo del deposito cauzionale ricorrendo al pagamento con Rid bancario. In questo caso si risparmierà oltre che al tempo anche le commissioni sui versamenti con bollettino.

Vantaggi e zero costi

Passare ad un gestore del mercato libero non prevede costi particolari, né interruzioni di servizio o cambi di contatore. A confronto con il prezzo imposto nel mercato di maggior tutela (destinato a sparire nel 2018) il risparmio è assicurato. Se si considerano poi le offerte che meglio si prestano alle proprie abitudini di consumo il risparmio viene ulteriormente massimizzato.

Una delle opportunità più interessanti è proposta dalle tariffe biorarie che scontano l’energia consumata negli orari serali o nei weekend ad esempio. In tal caso, la bolletta potrebbe scendere di diverse decine di euro.

Scopri Eni link bioraria

Commenti Facebook: