Enel prima azienda italiana a pubblicare un Codice per la privacy

Siamo la prima azienda in Italia a pubblicare un Codice per la privacy”, sono state le parole di Gianfilippo Mancini, direttore della Divisione GEM e Mercato Italia di Enel, nell’ambito del convegno “Regolazione e antitrust: competenze e interferenze”, organizzato all’Auditorium Enel di Roma e tenutosi lo scorso 8 maggio, in collaborazione con l’Università cattolica del Sacro Cuore. Secondo l’Antitrust, il Codice per la privacy di Enel “è un’occasione che testimonia un momento di svolta“.

tutela privacy, enel prima azienda italiana ad avere il proprio codice
Enel presenta il codice per la tutela della privacy in materia di energia e gas

L’esclusivo Codice per la privacy presentato recentemente da Enelè un documento chiaro, semplice, che traduce in un linguaggio concreto una materia complicata, ostica e in continua evoluzione”, secondo quanto ha spiegato Gianfilippo Mancini, direttore della Divisione GEM e Mercato Italia di Enel.

Il codice è nato per tre motivi principali: “l’orientamento alla sostenibilità, la vocazione all’innovazione e le rivoluzioni nel campo dell’energia, sia tecnologiche, sia legate al libero mercato”.

Dal Codice – annuncia Mancini – deve nascere un processo che punti a fare anche della gestione dei dati un fiore all’occhiello nel nostro percorso Passion for Quality“.

In Italia si è cominciato a parlare su un’eventuale normativa a tutela della privacy nel 1996, con il recepimento della direttiva europea al riguardo. Il Garante per la Protezione dei Dati personali Francesco Modafferi ha ricordato che “L’Italia è passata così improvvisamente ad avere una tutela avanzata, inizialmente recepita in modo burocratico. Solo ora si inizia a vedere un cambiamento, e il Codice di Enel lo dimostra: è un’occasione che testimonia un momento di svolta, un cambiamento di prospettiva”.

Durante il convegno “Regolazione e antitrust: competenze e interferenze”, Simone Mori, direttore Regolamentazione, Ambiente e Innovazione di Enel, ha auspicato “un alveo normativo ben definito, che risolva i problemi di definizione delle competenze, ed eliminare le interferenze fra Autorità regolatoria e Antitrust”. Nello specifico, per Enel sono di grande importanza il tema degli impegni volontari delle imprese e quello della tutela dei consumatori.

Guido Bortoni, presidente dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, ha espresso durante il convegno apprezzamento per l’impianto normativo italiano che prevede la collaborazione dell’Autorità regolatoria e dell’Antitrust in tema di concorrenza e tutela dei consumatori.

Vai alle Offerte Enel

Commenti Facebook: