Enel e rete in fibra: tutte le novità

Il prossimo 22 di marzo sarà una giornata molto importante per lo sviluppo della banda larga in Italia grazie al progetto portato avanti da Enel che punta ad estendere la fibra in diverse aree del Paese. Ecco tutte le novità sul progetto della rete in fibra di Enel.

Continua il progetto di Enel per potenziare la banda larga in Itaila

Nel corso del consiglio d’amministrazione programmato per il prossimo 22 di marzo, Enel presenterà, in via ufficiale, l’accordo raggiunto con gli operatori Vodafone e Wind per lo sviluppo della rete in fibra ottica.

Il progetto di Enel ha oramai raggiunto lo stadio finale per circa 250 città italiane in zona A e B, ovvero aree in cui la domanda di una rete in banda larga è sufficientemente forte da rendere il mercato appetibile per gli stessi operatori, senza il bisogno di ricorrere ad aiuti da parte dello Stato. 

Aggiornamento al 23 Marzo

Stando a quando deciso dal Cda del 22 marzo, Enel Open Fiber porterà la banda ultralarga direttamente a casa del cliente finale (FTTH), seguendo un percorso che comprenderà varie fasi, e che coinvolgerà 224 città in diversi punti dello Stivalo. Il piano prevede investimenti graduali per un totale di circa 2,5 miliardi di euro, dedicati allo sviluppo della rete. Confermata la partecipazione di Enel come operatore wholesale only, ovvero operante esclusivamente nel mercato all’ingrosso e che realizzerà l’infrastruttura per altri operatori autorizzati.

Per maggiori informazioni sulle ultime novità si prega di fare riferimento all’articolo Nasce Enel OpEn Fiber: la fibra in 224 città.

Progetto Enel per la fibra ottica

Lo sviluppo della rete in fibra ottica in Italia, vitale per il miglioramento delle connessioni ad Internet, resta un argomento molto delicato che coinvolge diversi soggetti. Il progetto di Enel rappresenta, ad oggi, una delle soluzioni più importanti sul tavolo. Come dichiarato dallo stesso amministratore delegato di Enel Starace, ad oggi l’azienda continua a “parlare con tutti” ed anche società come Telecom e Fastweb sono interessate.
Scopri le offerte Fastweb

Grazie alla rete elettrica, Enel può raggiungere circa 32 milioni di contatori digitali garantendo quindi risultati migliori rispetto alla rete di telecomunicazione. 

Come sottolinea lo stesso Starace:

La rete elettrica, messa a confronto con la rete di Tlc ha sempre una capillarità maggiore. Con il nostro sistema, i costi di cablaggio sono del 30-40% inferiori ai costi di cablaggio che si dovrebbero sostenere senza l’utilizzo della nostra infrastruttura”. 

I vantaggi, economici per gli operatori e pratici per i clienti finali, del progetto Enel sono enormi. Il ruolo dell’azienda, nello sviluppo della banda larga in Italia nel corso dei prossimi mesi è quindi vitale.
Confronta le offerte ADSL

Enel non sarà operatore telefonico

Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione, come ribadito oggi dallo stesso AD di Enel, è rappresentato dal fatto che la società non ha intenzione di entrare nel mercato come operatore telefonico o operatore nella gestione di contenuti multimediali: 

“Ci limitiamo alla gestione dell’infrastruttura e vogliamo metterla a disposizione di chiunque la voglia utilizzare”.

Accordi come quello che sarà presentato il 22 marzo al CdA potrebbero garantire una rapida diffusione della rete in fibra ottica in tutta Italia.

Ti ricordiamo che grazie al comparatore di SosTariffe.it per offerte ADSL puoi scoprire le migliori tariffe presenti sul mercato per accedere al web da casa.

 

Commenti Facebook: