ENEA, 10 consigli per combattere il caldo senza gonfiare le bollette

In questi giorni non si parla di altro che del caldo, dei condizionatori e le bollette che salgono. Per orientare i consumatori verso un uso efficiente ed economico degli impianti di climatizzazione, l’ENEA ha pubblicato 10 consigli per combattere il caldo senza gonfiare le bollette. Online anche una Guida aggiornata per l’uso efficiente e sostenibile dell’aria condizionata scaricabile dal sito ENEA.

consigli per risparmiare energia estate
I 10 consigli ENEA per non surriscaldare le bollette quest'estate

Gli esperti dell’Agenzia per l’Efficienza Energetica hanno pubblicato una guida e 10 consigli pratici per aiutare i cittadini a evitare sprechi e comportamenti sbagliati con l’uso del condizionatore, senza però soffrire il caldo. La guida è scaricabile dal sito ENEA; i consigli li riportiamo di seguito.

1. Classe energetica

Il primo consiglio ENEA per l’uso ‘intelligente’ dei sistemi di climatizzazione parte dalla scelta del condizionatore. Bisogna sempre scegliere modelli in classe energetica A o superiore che, pur costando di più, garantiscono una minor spesa perché consumano meno energia elettrica rispetto quelli in classe B o inferiore.

2. Tecnologia del condizionatore

Non solo la classe energetica, ma anche la tecnologia del condizionatore è importante. I modelli dotati dal sistema inverter sono assolutamente quelli da scegliere, perché adeguano la potenza all’effettiva necessità e riducono i cicli di accensione e spegnimento. Di seguito alcuni condizionatori inverter economici che abbiamo individuato sul portale Amazon.it

3. Ecobouns e detrazioni fiscali

E’ un buon momento per pensare all’ecobonus, ovvero l’agevolazione fiscale in vigore fino al 31 dicembre 2015 che consente di detrarre dall’IRPEF il 65% del prezzo dell’acquisto di una pompa di calore per sostituire integralmente o parzialmente il vecchio impianto termico, risparmiando sia d’estate che d’inverno. Attualmente è attivo anche il “Conto termico”, un incentivo che varia in funzione della dimensione dell’impianto. Per maggiori informazioni consultate il sito ENEA.

4. Dove installare il condizionatore

Scegliere un modello di condizionatore efficiente è elementare, ma anche collocarlo dove corrisponde, ovvero  nella parte alta della parete: l’aria fredda tende a scendere, mentre quella calda a salire. Mai posizionare il climatizzatore dietro divani o tende, perché bloccherete la diffusione dell’aria fresca.

5. Un condizionatore per stanza

Pensavate che fosse una buona idea installare un climatizzatore potente nel corridoi per rinfrescare tutta la casa? Sbagliate: l’unico risultato sarà quello di sprecare energia elettrica e prendersi un colpo di freddo ogni volta che si cammina per il corridoio. Ogni stanza ha bisogno del suo apparecchio.

6. Porte e finestre chiuse

Sembra un consiglio banale, invece è importante ricordare quanto sia inutile avere acceso il condizionatore nel salotto e lasciare aperta una finestra nella stanza comunicante. Chiudere finestre, tapparelle e addirittura tende aiuta a tenere freschi i locali, riducendo il “lavoro” del condizionatore.

7. Tubi del circuito vanno coibentati

E’ fondamentale assicurarsi di coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione, perché se esposti direttamente al sole possono danneggiarsi, nonché aumentare il lavoro dell’apparecchio. La parte esterna del climatizzatore, sempre che sia possibile, non deve essere esposta direttamente al sole e alle intemperie.

8. Non troppa differenza tra esterno e interno

Non esagerare con il freddo: lo scopo di avere un condizionatore non è quello di far tornare l’inverno, ma di migliorare il comfort all’interno dell’abitazione. Per questo motivo, cominciate prima attivando solo la funzione deumidificazione, se non basta passate al freddo ma impostate la temperature soltanto 2-3 °C sotto quella esterna, e datevi tempo. Dopo un po’ vi sentirete più comodi e non sarà necessario raffreddare troppo l’ambiente.

9. Uso del timer

Praticamente tutti i modelli di condizionatore moderni sono dotati di un timer per programmare l’accensione e spegnimento dell’apparecchio, così come una funzione notturna che riduce al minimo il lavoro e il tempo di accensione del condizionatore.

10. Pulizia e manutenzione

Per un corretto funzionamento del condizionatore, l’ENEA ricorda che i filtri dell’aria e le ventole vanno puliti alla prima accensione stagionale e almeno ogni 15 giorni, perché è normale l’accumulo di polvere, muffe e batteri dannosi per la salute. Qualora fossero deteriorati vanno sostituiti. E’ importante, infine, controllare la tenuta del circuito del gas e, se necessario, procedere alla ricarica gas condizionatore.

Sos Tariffe.it vi ricorda che per tagliare le bollette della luce è possibile approfittare delle proposte del mercato libero: con alcune tariffe elettriche attualmente si può ridurre la spesa di oltre il 10% annuo, con risparmi che per una famiglia numerosa raggiungono i 160 euro all’anno. Per maggiori informazioni seguite il link qui sotto.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: