Edison: 8196 Wh di energia prodotta dalle pedalate di oltre 1000 milanesi

Più di un migliaio di milanesi che producono ben 8126 Wh energia rinnovabile pedalando? E’ il risultato raggiunto da Edison in Piazza della Scala grazie ad un sistema di bici-generatori sul quali si sono succeduti 1007 cittadini. In questo modo saranno alimentati tutti gli appuntamenti del Don Giovanni in città, frutto della collaborazione tra il Comune di Milano e la società energetica.

Il nome dell’iniziativa è “Vuoi ascoltare Mozart? Pedala!”, e hanno partecipato cittadini di varie età, dai giovanissimi sotto i trentanni fino agli over 80 (ad esempio una signora di 86 anni, tra le prime ad aver cominciato con la pedalata).

La mega pedalata è partita il primo giorno di dicembre e si è conclusa ieri: con 4 bici generatori si sono prodotti tanti Wh sufficienti a coprire addirittura i consumi medi annui di tre famiglie.

Gli 8126 Wh accumulati, quindi, rendono possibile il seguente calendario di Don Giovanni in città:

  • dal 2 all’11 dicembre: WOW Spazio Fumetto con la mostra “Mozart a strisce, il genio mozartiano raccontato a fumetti” (viale Campania 12, ingresso libero);
  • dal 3 al 6 dicembre: le arie del Don Giovanni selezionate da Radio 3 Rai in Galleria VIttorio Emanuele (dalle ore 18 alle 22);
  • 16 dicembre con il Piano City Preludio: maratona musicale di 30 pianisti che si alterneranno su 8 piianoforti dislocati nella Caserma Magenta di via Mascheroni, che interpreteranno liberamente le opere di Mozart in brevi concerti (dalle 20 alle 24, ingresso gratuito);
  • gennaio 2012: il Don Giovanni nelle scuole superiori di Milano grazie all’Accademia della Scala.

Inoltre, anche la Prima della Scala sarà interamente green, evitando cosi l’emissione di anidride carbonica, grazie all’energia generata dalle acque dell’Adda. Un’iniziativa, questa di Edison, che consentirà di evitare di produrre ben 68 tonnellate di biossido di carbonio nell’ambiente. Per maggiori informazioni sul progetto vi rimandiamo all’indirizzo dongiovanni.edison.it.

Commenti Facebook: