E-Commerce, Italia perennemente in ritardo

I dati europei contenuti nell’ultimo Digital Agenda Scoreboard, sembrano essere piuttosto impietosi, e sottolineano – ancora una volta – la lunga difficoltà dell’Italia nel raggiungimento degli obiettivi indicati dall’Agenda Digitale Europea, secondo cui entro il 2015 il 75% della popolazione compresa tra i 16 e i 74 anni dovrebbe utilizzare regolarmente Internet almeno una volta alla settimana.

Italia sempre in ritardo sul fronte Internet e e-commerce
Italia sempre in ritardo sul fronte Internet e e-commerce

E invece, almeno stando alle rilevazioni comunitarie, l’Italia è lontana, lontanissima da tale traguardo. Lo scoreboard segnala infatti che l’Italia, la Grecia, la Bulgaria e la Romania sono i fanalini di coda nell’utilizzo di Internet, con un dato del 56% nel nostro Paese, contro una media europea del 72%.

Insomma, entro un anno un’altra significativa fetta di italiani (quasi il 20%) dovrebbe diventare utente regolare di Internet, colmando un gap che, tuttavia, appare ben arduo da fronteggiare.

Confronta offerte Internet

Pertanto, nonostante l’andamento degli accessi alla rete negli ultimi tre anni sia in costante aumento, l’Italia conferma un grave ritardo nei confronti dei principali Paesi europei e, soprattutto, nei confronti degli obiettivi che sono stati posti dall’Unione Europea nell’Agenda Digitale.

Notizie negative anche per quanto riguarda le imprese, visto e considerato che gli obiettivi dell’Agenda digitale sono abbastanza impegnativi: entro il 2015 è infatti richiesto che almeno il 33% delle imprese effettui acquisti in rete per un importo superiore all’1% dello shopping totale. In Italia, la percentuale è ancora ferma al 15%.

Commenti Facebook: