E-commerce, aumentano i siti internet in regola

Secondo quanto comunicato dalla Commissione Europea, starebbero migliorando i livelli di “regolarità” dei siti internet che si occupano di commercio elettronico, in conformità a quanto previsto dalla normativa comunitaria sulla tutela dei consumatori.

Destinate a crescere le vendite online oltre confine
Destinate a crescere le vendite online oltre confine

Le conclusioni dell’istituzione europea sono giunte a margine delle varie verifiche compiute su un campione di 330 siti europei dal 2012 ad oggi. Stando alle riflessioni del team di responsabili dell’iniziativa, all’inizio dell’analisi più del 50% dei siti internet non rispettava la normativa sul commercio, mentre ora la quota sarebbe già scesa al di sotto del 20%.

Con particolare riferimento al mercato italiano, la Commissione specifica come tra i siti controllati quattro erano in regola e sei no. Attualmente la tendenza si è ribaltata, visto e considerato che quelli non in regola si sono dimezzati, divenendo pertanto il 30 per cento del campione complessivo.

Scopri le migliori offerte internet

Nelle sue conclusioni la Commissione Europea ricorda che per essere in linea con la normativa comunitaria i siti internet che si occupano di e-commerce devono garantire la possibilità per il consumatore a ricorrere alle vie legali, la richiesta di informazioni più chiare e trasparenti sulla natura e sull’esercizio del diritto di recesso, e l’obbligo di fornire l’identità del commerciante.

Commenti Facebook: