Due blocchi esplorativi in Egitto aggiudicati a ENI

Da qualche giorno è stato reso ufficiale che ENI ha ottenuto due nuove licenze per operare nell’offshore egiziano. I due blocchi esplorativi in Egitto aggiudicati a ENI, sono North El Hammad, che la società ha ottenuto in compartecipazione con BP e Total, e North Ras El Esh, in cui opererà insieme a BP. La competizione è stata vinta nell’ambito del Bid Round Internazionale “EGAS 2015”, e segue di poco quella dei due blocchi di Karawan e North Leil.

Due blocchi esplorativi in Egitto aggiudicati a ENI

In una nota del 12 ottobre, ENI ha dichiarato di essersi aggiudicata due blocchi esplorativi in Egitto, vincendo una gara internazionale nell’ambito dell’EGAS 2015.

I partners di ENI

ENI diventa operatore del blocco North El Hammad, di cui acquisisce il 37,5%, in compartecipazione con BP che detiene il 37,5% e Total col 25%.

Inoltre, partecipa col 50% al blocco North Ras El insieme a BP, che ha il restante 50% e il ruolo di operatore.

I due blocchi esplorativi

I due blocchi sono collocati vicino al Delta del Nilo, in una zona già battuta da ENI per la presenza di infrastrutture e campi. Le aree occupate sono molto vaste:

  • North El Hammad si estende per 1389 chilometri quadrati, e si trova esattamente a sudovest di El Temsah;
  • North Ras El Esh copre 1927 chilometri quadrati a ovest dell’area di Baltim.

La presenza di ENI in Egitto

ENI ha da poco acquisito altri due blocchi in Egitto, Karawan e North Leil, e questa nuova aggiudicazione consolida ulteriormente la sua presenza, in un paese dalle grandi potenzialità, in cui la società italiana opera nel settore dell’energia dal 1954.
Scopri tutte le offerte energia eni »

Il bacino di Zohr

Tutto ciò ha una connotazione ancora più forte grazie alle recente scoperta, da parte di ENI, del bacino di Zohr in Egitto.

Zohr è attualmente considerato il più vasto giacimento di gas del Mediterraneo, e potrebbe cambiare i futuri scenari del settore energia, migliorare le offerte gas e favorire un rilancio economico dell’Egitto di portata storica.

Stiamo parlando, infatti, di una produzione di gas con cifre da capogiro: tra i 70 e gli 80 milioni di metri cubi al giorno, ovvero tra I 30 e i 35 miliardi di metri cubi all’anno.

Si stima che Zhor potrebbe soddisfare la richiesta interna egiziana, ma anche creare interessanti opportunità per l’Italia e la Spagna, dando vita a nuove offerte e tariffe promozionali nel settore gas.

Confronta tutte le offerte gas »