Distacchi per morosità da Coronavirus di luce e gas: rinvio al 17 maggio

I distacchi di luce e gas per clienti morosi sono sospesi e continueranno ad esserlo, per i soli clienti domestici, ancora per un alcune settimane. ARERA, infatti, ha annunciato la proroga del blocco dei distacchi che scadeva il prossimo 3 maggio. Il nuovo provvedimento dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente sposta il termine ultimo del blocco dei distacchi per morosità al prossimo 17 maggio. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla questione. 

ARERA proroga il blocco delle procedure di sospensione per luce, gas e acqua

Tra i provvedimenti presi da ARERA per contrastare le ricadute economiche dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus in Italia troviamo il blocco delle procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas naturale e acqua. Il blocco dei distacchi era in scadenza il prossimo 3 maggio ed è stato prorogato oggi da ARERA.

Per i soli clienti domestici, infatti, ARERA ha deciso che il blocco delle procedure di sospensione delle forniture è esteso sino al prossimo 17 maggio. Come prescritto dall’Autorità, al termine del periodo di proroga, i fornitori saranno tenuti a riavviare le procedure di costituzione in mora dei propri clienti rispettando i tempi di preavviso previsti dalle regole di settore.

Da notare, inoltre, che la prima comunicazione di sollecito o di costituzione in mora, sottolinea ARERA, dovrà contenere “l’offerta al cliente/utente di poter rateizzare i relativi importi senza il pagamento di interessi”. In questo modo, i clienti morosi avranno un’occasione in più per rientrare del debito con una soluzione agevolata.

In merito al nuovo provvedimento annunciato oggi, il presidente dell’ARERA, Stefano Besseghini, ha affermato “Il sistema energetico e ambientale continua ad essere stabile garantendo la fornitura dei servizi senza soluzione di continuità. Il monitoraggio dell’Autorità continuerà in modo puntuale, ma nella delicata fase di passaggio che si sta aprendo saranno centrali anche gli interventi segnalati al Governo e Parlamento lo scorso 23 aprile”

In merito a tale interventi, Bessaghini continua: “In particolare sui clienti non domestici, in maggioranza attività produttive, produrrebbero riduzioni importanti delle bollette elettriche le misure di riduzione o azzeramento delle quote fisse sulle componenti trasporto e gestione del contatore e degli oneri genera”

Ricordiamo che ARERA, seguendo le indicazioni sulle date del lockdown più volte esteso dal Governo, aveva già prorogato la sospensione delle procedure di distacco per i clienti morosi nel corso delle ultime settimane. La nuova data del 17 maggio, anche in considerazione dell’inizio della “fase 2” dal 4 maggio, potrebbe rappresentare l’ultima proroga del provvedimento. Di certo, sulla questione ne sapremo di più nel corso dei prossimi giorni.

Per tutti i dettagli relativi alla nuova delibera con cui è stata annunciata la proroga del blocco dei distacchi, è possibile consultare il sito di ARERA, disponibile all’indirizzo arera.it. Sul portale dell’Autorità è presente un’intera sezione dedicata ai provvedimenti presi per affrontare l’emergenza sanitaria in corso.

Come evitare la morosità durante l’emergenza Coronavirus

Durante questa delicatissima fase di emergenza sanitaria ed economica, sono tantissime le famiglie che devono fare i conti, ogni giorno, con una situazione difficile. Tra cassa integrazione, perdita del lavoro e azzeramento del reddito (per le tante attività ancora ferme), il rischio di non riuscire a stare dietro a tutte le spese periodiche è elevato.

Per evitare morosità durante l’emergenza Coronavirus è necessario, quindi, sfruttare tutte le risorse a propria disposizione per tentare di minimizzare i costi. Per le forniture di luce e gas è possibile risparmiare anche senza dare un taglio ai consumi. Per ridurre le bollette energetiche, infatti, si può sfruttare il crollo dei prezzi registrato dal mercato energetico in queste ultime settimane ed attivare nuove offerte luce e gas del mercato libero.

Come evidenziato da una recente indagine di SOStariffe.it, infatti, i costi annui del mercato libero, nel confronto tra le tariffe disponibili a gennaio e quelle disponibili nel mese di aprile, sono calati in misura considerevole permettendo alle famiglie italiane di sfruttare le condizioni più favorevoli per dare un taglio, netto e consistente, alle bollette energetiche.

La prima cosa da fare per poter ridurre i costi delle bollette è individuare le migliori offerte luce e gas del mercato libero affidandosi alla comparazione online tramite SOStariffe.it. Confrontando le tariffe ed inserendo i dati relativi ai propri consumi (il dato è disponibile in bolletta ma può essere stimato tramite l’apposito tool integrato nel comparatore) sarà facile individuare le soluzioni migliori da attivare per risparmiare. Per accedere alla comparazione online basta cliccare sul box qui di sotto.
Scopri le migliori offerte luce e gas

I vantaggi delle offerte attuali disponibili sul mercato libero sono davvero considerevoli. Per un “cliente tipo” (consumo annuo di 2700 kWh di elettricità e 1400 Smc di gas naturale), l’attivazione delle migliori offerte luce e gas del momento permette di registrare una spesa annuale di circa 430 Euro per l’elettricità e 800 Euro per il gas naturale.  Rispetto al mercato tutelato, questi dati garantiscono un risparmio annuale di oltre 200 Euro.

Da notare, inoltre, che al crescere del consumo annuo, ad esempio per una famiglia numerosa, crescerà anche il risparmio. Ipotizziamo di voler individuare il risparmio garantito dalle migliori offerte del mercato libero per una famiglia “ad alto consumo” con un consumo annuo di 3500 kWh di energia elettrica e 2000 Smc di gas naturale.

Con le attuali tariffe disponibili sul mercato, scegliendo le migliori soluzioni, facilmente individuabili con la comparazione online , si registrerà una spesa annua di 545 Euro per l’elettricità e 1115 Euro per il gas naturale. Il risparmio annuale rispetto al mercato tutelato, in questo caso, sarà di oltre 330 Euro.

Le famiglie in condizioni di disagio economico hanno, inoltre, la possibilità di richiedere l’erogazione dei bonus luce, gas e acqua. Queste agevolazioni si traducono in sconti extra in bolletta per tutti i clienti che rientrano nei requisiti previsti dalla normativa vigente. Per il 2020, i requisiti d’accesso ai bonus sono i seguenti (basta rientrare in uno di questi casi per poter richiedere il bonus):

  • indicatore ISEE non superiore a 8.265 Euro
  • nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 Euro
  • un nucleo familiare titolare del Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza (a prescindere dalla soglia ISEE)

Per ottenere i bonus, che vengono erogati come sconti in bolletta, è necessario presentare una domanda presso il Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli.

Commenti Facebook: