Digitale Terrestre, rapporto della DGTVI

Il quarto Rapporto sulla tv digitale terrestre presentato a Milano da DGTVI evidenzia come in tutta Europa i consumi stiano aumentando nonostante la crisi, impressionanti i dati relativi ai ricavi pubblicitari che solo in Italia registrano un incremento del 123,2%, in Spagna 82,4% e la Francia fotografa un aumento del 59%.

Alberto Sigismondi di DGTVI evidenzia come ” Il nostro Paese è leader dal punto di vista dell’offerta gratuita e a pagamento, ma anche dell’evoluzione della piattaforma dal punto di vista tecnologico”, Sigismondi afferma inoltre “Siamo in testa sul fronte pay e la soglia free dell’offerta necessaria per raggiungere investimenti pubblicitari consistenti è vicina”.

In base a dati E-res e Makno a febbraio sono 16,2 milioni le famiglie dotate di DTT, in crescita di 430 mila famiglie circa rispetto a gennaio, i decoder integrati o esterni presenti nelle case delle famiglie italiane sono circa 25,8 milioni, le vendite dei dispositivi continuano a crescere nonostante l’assenza di switch-off, si stima infatti che per lo spegnimento dei segnali previsto per l’autunno il 70% degli italiani saranno ormai “all digital”.

Dei decoder venduti a febbraio, il 56%, pari a 542 mila unità, sono dispositivi integrati, il restante 44% rappresenta ricevitori esterni. Il totale di decoder venduti ad oggi è pari a circa 31 milioni, 58,9% dei quali esterni e i restanti sono integrati agli apparecchi televisivi.

A marzo 2010 quasi il 52% delle famiglie italiane guarda la tv utilizzando piattaforme digitali, superando così la televisione analogica, a rilevarlo l’Osservatorio sulla TV digitale dello Studio Frasi. A settembre 2009 le famiglie italiane digitalizzate erano il 34,7%, negli ultimi sei mesi sono aumentate del 50% anche senza transizioni di singole aree.

Con 40 canali gratuiti, 5 volte quelli analogici, l’Italia si attesta il primo posto nella classifica dell’offerta, seguita dal regno unito con 38 canali, Spagna con 19 e la Francia in cui sono presenti 18 canali gratutiti.

apporto sulla tv digitale terrestre presentato a Milano da DGTVI evidenzia come in tutta Europa i consumi stiano aumentando nonostante la crisi, impressionanti i dati relativi ai ricavi pubblicitari che solo in Italia registrano un incremento del 123,2%, in Spagna 82,4% e la Francia fotografa un aumento del 59%.

Alberto Sigismondi di DGTVI evidenzia come ” Il nostro Paese è leader dal punto di vista dell’offerta gratuita e a pagamento, ma anche dell’evoluzione della piattaforma dal punto di vista tecnologico”, Sigismondi afferma inoltre “Siamo in testa sul fronte pay e la soglia free dell’offerta necessaria per raggiungere investimenti pubblicitari consistenti è vicina”.

In base a dati E-res e Makno a febbraio sono 16,2 milioni le famiglie dotate di DTT, in crescita di 430 mila famiglie circa rispetto a gennaio, i decoder integrati o esterni presenti nelle case delle famiglie italiane sono circa 25,8 milioni, le vendite dei dispositivi continuano a crescere nonostante l’assenza di switch-off, si stima infatti che per lo spegnimento dei segnali previsto per l’autunno il 70% degli italiani saranno ormai “all digital”.

Dei decoder venduti a febbraio, il 56%, pari a 542 mila unità, sono dispositivi integrati, il restante 44% rappresenta ricevitori esterni. Il totale di decoder venduti ad oggi è pari a circa 31 milioni, 58,9% dei quali esterni e i restanti sono integrati agli apparecchi televisivi.

A marzo 2010 quasi il 52% delle famiglie italiane guarda la tv utilizzando piattaforme digitali, superando così la televisione analogica, a rilevarlo l’Osservatorio sulla TV digitale dello Studio Frasi. A settembre 2009 le famiglie italiane digitalizzate erano il 34,7%, negli ultimi sei mesi sono aumentate del 50% anche senza transizioni di singole aree.

Con 40 canali gratuiti, 5 volte quelli analogici, l’Italia si attesta il primo posto nella classifica dell’offerta, seguita dal regno unito con 38 canali, Spagna con 19 e la Francia in cui sono presenti 18 canali gratutiti.

Commenti Facebook: