Dichiarazione redditi congiunta: come presentare il 730 con il coniuge

Oltre a farlo in modo autonomo, è possibile presentare il 730 con il coniuge: si tratta della dichiarazione redditi congiunta. Ci sono però alcuni requisiti che bisogna conoscere, così come una serie di vantaggi della dichiarazione redditi congiunta interessanti per chi ancora deve fare la scelta.

Dichiarazione redditi congiunta
Dichiarazione redditi congiunta: come funziona?

La dichiarazione redditi congiunta è modalità di presentazione a cui si può accedere quando entrambi i coniugi sono in possesso soltanto di redditi previsti per la presentazione del Modello 730 e almeno uno dei due può utilizzare il 730 stesso.

Questo è, in effetti, il principale vantaggio della dichiarazione congiunta: qualora uno dei due coniugi sia sprovvisto del sostituto d’imposta, potrà comunque saldare eventuali debiti o rimborsi attraverso la busta paga del marito o moglie.

La dichiarazione redditi congiunta è presentata attraverso il modello 730 ai sensi dell’articolo 13, comma 4, del decreto n. 164 del 1999, esclusivamente al sostituto che presta assistenza fiscale, al CAF o al professionista abilitato.

Quando non si può fare la dichiarazione congiunta?

Il modello 730 congiunto non può essere presentato quando i coniugi sono legalmente ed effettivamente separati,  quando sono coinvolte nella scelta persone incapaci o minori, e nel caso di decesso di uno dei coniugi avvenuto prima della presentazione del Modello.

I soggetti coinvolti possono, inoltre, impiegare in modo autonomo il credito/debito risultante dal Modello 730; per questo motivo non è possibile usufruire del saldo positivo risultante da uno dei due coniugi per il versamento delle imposte dovute dall’altro consorte.
Confronta tariffe e risparmia

Come presentare il 730 congiunto

Per fare la dichiarazione dei redditi congiunta, il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto che si occuperà del credito/debito della dichiarazione deve segnare i box “Dichiarante” e “Dichiarazione congiunta”. L’altro contribuente nel proprio modello 730 barrerà la casella “Coniuge dichiarante”.

A partire da quest’anno è prevista una scheda unica per esprimere le preferenze riguardanti le proprie quote dell’IRPEF (8, 2 e 5 per mille). Nel caso di dichiarazione congiunta le schede con le scelte vengono inserite dai contribuenti in due distinte buste, con l’indicazione dei dati personali su ognuna di esse.

Dichiarazione congiunta e 730 precompilato

Tra le principali novità fiscali di quest’anno vi è il 730 precompilato. Tuttavia, questa modalità di presentazione è ancora in via sperimentale e l’Agenzia delle Entrate, nella Circolare 11/E del 23 marzo, ha sottolineato che – almeno nel 2015 – non è consentita la presentazione del 730 precompilato in maniera congiunta in via telematica.

Tuttavia, i coniugi possono comunque optare per questa scelta, e la dichiarazione verrà considerata “modificata”, poiché la liquidazione finale sarà ovviamente diversa rispetto a quella definita dall’Amministrazione per i singoli coniugi. Infine, va ricordato che i modelli 730 precompilati che subiranno modifiche sono soggetti ai controlli da parte del Fisco, non previsti in caso di accettazione del dichiarativo già compilato.

Commenti Facebook: