Detrazioni per gli interventi a casa: tutte le modifiche della Legge Stabilità

Recentemente il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge stabilità 2015, che include novità riguardanti le detrazioni per la casa. La proroga per tutto il 2015 della detrazione del 50% sulle ristrutturazioni edilizie e i mobili, e della detrazione del 65% sugli interventi per il risparmio energetico. Resta invariata la detrazione del 65% sugli interventi antisismici, che dal 2015 verrà ridotta al 50%. Prorogato durante il 2015 anche il bonus del 65% per i lavori condominiali, che sparisce nel 2016.

Detrazioni per gli interventi a casa: tutte le modifiche della Legge Stabilità

La proposta di Legge Stabilità 2015, prevede diverse proroghe durante tutto il 2015 in materia di agevolazioni fiscali; in particolare:

  • detrazione Irpef del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, sui mobili e sui grandi elettrodomestici;
  • detrazione Irpef e Ires del 65% sui lavori per il risparmio energetico qualificato;
  • detrazione del 50% per gli interventi sul recupero del patrimonio edilizio;
  • bonus del 65% per i lavori verdi sulle parti comuni condominiali.

Rimane invariata la detrazione Irpef ed Ires del 65% sugli interventi antisismici “qualificati”, che quindi sarà tagliata al 50% nel 2015. Vediamo nel dettaglio come cambia ogni agevolazione.

1. Detrazioni per il risparmio energetico

E’ stata approvata la proroga fino alla fine del 2015 dell‘agevolazione Irpef e Ires del 65% sugli interventi per il risparmio energetico qualificato degli edifici, in vigore dal 6 giugno 2013. Prima era previsto che le spese sostenute durante l’anno prossimo fossero detraibili al 50%.

Nonostante questa proroghe, come specificato da Il Sole24Ore, restano validi i consueti riferimenti normativi da indicare nei bonifici: articolo 1, commi da 344 a 347 della Legge 296/2006, per il risparmio energetico qualificato e articolo 16-bis del TUIR per le ristrutturazioni edilizie.

2. Detrazioni per la maggior efficienza in condomino

E’ stata prorogata fino al 31 dicembre 2015 la detrazione del 65% che riguarda l’esecuzione di interventi per il risparmio energetico «relativi a parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 e 1117-bis del Codice Civile» o che interessano «tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio».

Prima del disegno di legge Stabilità 2015, era prevista la riduzione dell’agevolazione al 50% per le spese sostenute dal 1° luglio 2015 e fino al 30 giugno 2016. Adesso quindi la detrazione sarà del 65%, ma non si potrà più usufruire di essa per le spese sostenute nei primi 6 mesi del 2016.

3. Diminuzione della spesa massima agevolabile

La proroga dell‘aumento della detrazione del 50% al 65% per gli interventi sul risparmio energetico fino al 31 dicembre 2015, incide sull’importo massimo dello sconto Irpef ed Ires spettante, poiché la modifica influenza la spesa massima agevolabile.

La norma istitutiva della detrazione del 55% stabilisce solo dei limiti di detrazione e non dei livelli massimi di spesa agevolabile e quindi, incrementare la percentuale di detrazione, conservando inalterato il suo importo massimo, comporta in pratica una diminuzione della spesa massima agevolabile per lo stesso intervento.

4. Detrazioni per il recupero del patrimonio edilizio

Anche l’agevolazione del 50% per gli interventi sul recupero del patrimonio edilizio (manutenzioni, ristrutturazioni e restauro e risanamento conservativo) è stata prorogata sino alla fine del 2015.

Prima del disegno di legge approvato recentemente le spese sostenute nel 2015 dovevano essere detraibili per il 40%.  A partire dal 2016 si ritorna alla percentuale ordinaria del 36%.

5. Agevolazione per misure antisismiche

Non è stata modificata l’agevolazione Irpef ed Ires del 65% sulle misure antisismiche dell’abitazione principale o delle costruzioni adibite ad attività produttive, ovvero gli edifici che si situano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2, Opcm 20 marzo 2003, n. 3274).

Di conseguenza solo per le spese effettuate fino al 31 dicembre 2014 si potrà beneficiare della detrazione del 65%, mentre a partire del 2015 l’agevolazione sarà del 50%.

Commenti Facebook: