Decreto efficienza energetica, arrivano 800 milioni dal Governo

Il Governo ha stanziato oltre 800 milioni di euro a favore di interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica per ottenere una maggiore efficienza edilizia nel settore pubblico, nella produzione industriale e nei consumi energetici domestici. Si tratta di un nuovo pacchetto di misure mirato a raggiungere l’obiettivo europeo di riduzione dei consumi di energia del 20% entro il 2020.

decreto efficienza energetica, stanziati 800 milioni
I fondi verranno utilizzati per migliorare l'efficienza energetica nei settori pubblico, industriale e privato

In arrivo 800 milioni di euro stanziati dal Governo per interventi mirati all’ottenimento di una maggior efficienza energetica, nel settore pubblico, industriale e privato, attraverso:

  • riqualificazione energetica degli edifici pubblici;
  • rafforzamento del meccanismo dei certificati bianchi;
  • promozione dei sistemi di consumo energetico individuale;
  • nuovi metodi di fatturazione basati sui consumi reali che favoriscano i consumatori;
  • finanziamenti a favore di progetti di efficienza e di reti per il teleriscaldamento e del teleraffrescamento.

Si tratta di una serie di misure aggiuntive con lo scopo di potenziare gli strumenti della Strategia Energetica Nazionale (SEN) per raggiungere l’ambizioso obiettivo europeo di diminuzione dei consumi di energia elettrica primaria del 20% entro il 2020.

Così, il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto di recepimento della Direttiva2012/27/UE sull’efficienza energetica, presentato da Matteo Renzi, dal Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, e dal Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti.

In particolare, il provvedimento oltre a prevedere stanziamenti per le PA e le PMI, include anche disposizioni che tendono a migliorare la consapevolezza dei consumi energetici nei consumatori tramite la promozione dei sistemi di misura individuali e una fatturazione più precisa e fondata sul consumo reale (vedi la differenza tra consumo reale e consumo stimato).

Inoltre è demandato all’AEEG l’incarico di superare la struttura progressiva delle tariffe rispetto ai consumi, per tutelare i consumatori economicamente svantaggiati.
Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: