Aumento del 15% all’anno dei conti correnti. Cosa fare?

Aumenteranno ancora le commissioni dei conti correnti dei principali istituti di credito italiani, un risultato sconfortante quello emerso dall’analisi di Adusbef. E’ necessario allora tutelarsi e tutelare i propri soldi, confrontando tra loro i conti per scegliere con consapevolezza i migliori conti correnti. Come?

Dati Adusbef, aumentano le commissioni

Adusbef contronta l’ISC (Indice Sintetico dei Costi) degli istituti di credito italiani e ci da una notizia sconfortante: il costo è aumentato del 15% in un solo anno con una media di spesa annuale per un conto corrente di 371 euro contro i 114 della media europea.

Per risparmiare allora è necessario optare per un conto corrente online, che non ha aumenti di spese di gestione del conto nè di apertura.

Ecco alcuni esempi delle operazioni aumentate:

Utente allo sportello:  da 2,5 euro a 3 euro con un rincaro di 0,50 centesimi
Bonifici: da 3,5 euro a 4 euro
Estratto conto: da 0,5 euro a 1 euro
Prelievi agli sportelli: da 2 euro a 2,10 euro 
Gestione del portafoglio titoli: da 50  a 55 euro

Richiedere un bancomat è diventato un lusso, le banche più care sono: Unicredit (337 euro); Banco Popolare e Credito Bergamasco (400 euro); Banco Popolare di Vicenza (438); Popolare del Mezzogiorno (467); Banca Popolare di Ravenna (515); Banca di Sassari (593) e Banco di Sardegna (621) a conferma di banche isolane predatorie; Banca Popolare Emilia Romagna) (754 euro l’anno).

Il trend, oltretutto, è confermato dalle banche stesse che hanno dichiarato di aver aumentato il costo delle spese di gestione ed utilizzo dei conti correnti: “L’aumento dei costi di gestione dei conti correnti, spese e commissioni – scrive Adusbef in una nota – è certificato perfino dalle stesse banche, ultimo Intesa San Polo, che dopo aver aumentato le commissioni del 12,8% nel 2013, ha chiuso il bilancio in rosso di 4,55 miliardi di euro, appostato 2,5 miliardi dalla rivalutazione quote di Bankitalia, ma distribuisce i dividendi, per tenere in piedi i costosi carrozzoni delle Fondazioni
Bancarie”

Confronta le offerte per il conto corrente

Commenti Facebook: