Dal 2014 luce più cara +0,7%; nessun aumento in bolletta gas

L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha annunciato un nuovo aumento sulla bolletta della luce pari allo 0,7%, mentre non si verificheranno rincari sul gas. L’incremento per una famiglia media è pari a circa 4 euro su base annua. L’aumento è dovuto all’introduzione, a partire da Gennaio 2014, di un nuovo onere generale del sistema, la componente “Ae” che finanzia le agevolazioni alle imprese con alti consumi. Tuttavia è possibile bloccare il prezzo dell’energia e non avere più sorprese. 

aumenta la luce dello 0,7% nel 2014
Dal 1 Gennaio aumenta la luce +0,7%; nessun cambio in bolletta gas

A partire dal 1° Gennaio i consumatori italiani dovranno far fronte ad un nuovo rincaro sulla bolletta della luce. L’aumento sarà dello 0,7%, pari a 4 euro annui per una famiglia tipo.

Il nuovo aumento della bolletta elettrica è dovuto all’introduzione, a partire dal 2014, di un nuovo onere generale di sistema, la componente ‘Ae’, che finanzia le agevolazioni alle imprese manifatturiere con alti consumi elettriche.

Questa nuova componente ha determinato un aumento dell’1,6% della spesa complessiva tutta legata agli oneri generali di sistema, a cui va aggiunto il +0,3% delle tariffe per i servizi di trasmissione, distribuzione e misura riferibili a componenti amministrativi della bolletta: questi rincari però sono stati controbilanciati da una notevole riduzione dei costi del kWh (-1,2%).

In questa maniera, per la famiglia tipo con consumi medi di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW la spesa complessiva su base annua cresce di circa 4 euro, per una spesa media annua di circa 518 euro.

Una modalità per non dover essere “soggiogati” dal continuo rialzo del prezzo dell’energia sarebbe quello di sottoscrivere un’offerta con il prezzo bloccato. Queste tariffe, infatti, permettono di avere lo stesso prezzo per l’energia utilizzata per una durata che va da 1 a 2 anni. In questo modo la propria bolletta rimane uguale per tutto il periodo di sottoscrizione dell’offerta.

Per scoprire le migliori tariffe a prezzo bloccato clicca sul seguente pulsante verde. Dopo aver calcolato il tuo consumo annuo di KWh (se non lo sai ti aiuterà infatti il nostro comparatore a capirlo) potrai confrontare e trovare la tariffa più adatta alle tue necessità.

Scopri le tariffe a prezzo bloccato

 

Nessun rincaro sulla bolletta del gas

Per quanto riguarda il gas, spiega l’Autorità in una nota, le bollette sono rimaste invariate grazie alla diminuzione delle tariffe di distribuzione (-0,5%) e della componente RE destinata al Fondo per incentivare le iniziative di efficienza energetica (-1,6%).

Questi provvedimenti hanno controbilanciato l’aumento stagionale dei prezzi all’ingrosso della materia prima per l’incremento dei consumi invernali (+1,9%) e del costo di trasporto (+0,2%), e quindi la spesa per la famiglia tipo è rimasta invariata.

In più, a partire da aprile 2014 potranno verificarsi nuovi sgravi in bolletta gas, che si aggiungeranno al -7,8% già registrato nel 2013 per effetto della riforma del mercato del gas.

Dal prossimo mercoledì 1 Gennaio quindi il prezzo di riferimento del gas sarà di 86,27 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse. Per il cliente tipo rappresenta una spesa di circa 1.207,79 euro su base annua.

Risparmia con le tariffe del mercato libero

Con le offerte energia elettrica e gas del mercato libero è possibile  non solo bloccare il prezzo dell’energia per 1 o 2 anni, ma anche risparmiare un 10% sulle bollette. Questo rappresenta un risparmio di fino a 160 euro all’anno per la luce e altrettanti per il gas.

Il passaggio al mercato libero è sempre gratuito, non comporta modifiche al contatore o agli impianti e la continuità del servizio è garantita dall’Autorità.

Consigliamo al lettore l’utilizzo del nostro comparatore di tariffe luce e gas, che consente di confrontare le offerte in maniera gratuita ed indipendente, e individuare rapidamente le proposte che meglio rispondono alle proprie esigenze.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: