Dai preventivi Rca al ricorso contro una multa: il mondo auto è sul web

Chi l’avrebbe mai detto? Ormai il mondo delle auto si è trasferito sul web, dalla vendita del nuovo a quella dell’usato, dai preventivi Rca fino al ricorso contro una multa. Tutto oggi si trova online in modo più veloce ed economico. Il Ministero dell’Interno ha da poco deciso che anche la contestazione di una multa al prefetto potrà effettuarsi online, rispettando sempre i termini di prescrizione dettati dalla legge. Ecco come ricorrere avverso una contravvenzione ingiusta su Internet.

Contestazione multa al Prefetto, da oggi è online

Grazie ad Internet ormai è possibile fare tutto quello che riguarda il mondo auto: basta con i giri estenuanti per l’assicurazione, la vendita o l’acquisto di un’auto e per fare ricorso contro una multa! Da oggi è possibile confrontare preventivi Rca, comprare l’auto dei sogni o vendere quella vecchia, e anche effettuare la contestazione multa al prefetto.

La novità arriva direttamente dal Ministero dell’Interno, che ha deciso di mettere al palo per sempre le infinite file in Prefettura. Con una Circolare informativa il Governo ha definitivamente adottato la pec come modalità per fare ricorso avverso una multa. Il servizio è totalmente gratuito ed ogni comunicazione con gli uffici preposti avverrà a mezzo posta certificata. Per usufruire del servizio basta avere l’indirizzo pec personale oltre che, naturalmente, una connessione.

I termini e decadenze per la contestazione di una multa al prefetto

Entro 60 giorni dalla notifica bisogna fare ricorso avverso la multa via pec al prefetto del luogo in cui è avvenuta la presunta infrazione. L’email deve essere sottoscritta con firma digitale autenticata ed è possibile allegare documenti a prova delle proprie ragioni. E’ importante aggiungere il testo integrale della multa (anche scannerizzato) e specificare che l’utilizzo della pec è un diritto stabilito dal D.lgs 82/2005, come specificato dalla Circolare del Ministero dell’Interno n° 17666/2014.

Dalla spedizione via pec il prefetto avrà 210 giorni per pronunciarsi, trascorsi i quali in assenza di alcuna comunicazione la contravvenzione si riterrà annullata. Se è emessa ordinanza di rigetto o accoglimento invece, il prefetto ha 150 giorni per notificare, trascorsi i quali il ricorso contro la multa può ritenersi accolto.

Facile veloce e sicura, l’introduzione della pec in questi casi agevola molto gli automobilisti, esattamente come il confronto preventivi Rca aiuta chi è alla ricerca di assicurazioni economiche.

Il Confronto preventivi Rca

Il mondo migliore per trovare l’Rc auto più conveniente è il confronto preventivi Rca online. SosTariffe.it mette a disposizione la comparazione gratuita dei preventivi di alcune tra le migliori compagnie assicurative d’Italia. In pochi minuti, compilando il preventivo potrai visualizzare le offerte più economiche delle assicurazioni. Perché aspettare?
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: