Dagli Stati Uniti il fotovoltaico che funziona di notte

Una interessante innovazione nell’energia solare sta giungendo negli ultimi mesi dagli Stati Uniti, dove i ricercatori della University of North Carolina (UNC) hanno ideato delle celle solari che possono produrre energia anche durante la notte.

Nuove stime sull'industria dell'energia fotovoltaica
Nuove stime sull'industria dell'energia fotovoltaica

L’invenzione a stelle e strisce prende il nome di cella fotoelettrosintetica colorante sensibilizzata, e funziona sia come una normale cella solare (in grado di ricevere l’energia dal sole e trasformarla in energia elettrica), sia come impianto in grado di fruire di una reazione chimica che – come risultato finale – genera idrogeno al quale attingere secondo le necessità del momento.

Confronta le offerte energetiche»

Ogni cellula è infatti composta da una molecola che assorbe la luce solare in entrata e dà il via a un processo di assorbimento degli elettroni dall’acqua; a questo punto le nanoparticelle sfruttano gli elettroni per produrre idrogeno. Grazie a questo particolare processo, il pannello solare riuscirà a produrre energia anche di notte, o nelle situazioni di cielo nuvoloso, incrementando quindi l’efficienza della struttura eco-energetica.

Si attendono ora i primi contratti di sperimentazione, finalizzati a comprendere in che modo questa innovazione possa essere utilizzata in ambito commerciale e industriale nel corso dei prossimi anni.

Commenti Facebook: