Cybercrime al 60% di tutti gli attacchi su Internet

Secondo quanto afferma il report Clusit 2014 sulla sicurezza informatica, se nel 2011 il Cybercrime poteva rappresentare solamente il 36% degli attacchi analizzati su Internet, la percentuale nella prima metà del 2014 è drasticamente cresciuta fino a toccare il 60% del campione.

Il Cybercrime è sempre più diffuso tra gli attacchi online
Il Cybercrime è sempre più diffuso tra gli attacchi online

Secondo il rapporto, a farne le spese sarebbero soprattutto il settore governativo (26%) i servizi cloud e i social network (12%).

Ad ogni modo, il Cybercrime non è l’unico fenomeno significativo in corso di consolidamento negli ultimi mesi. A rappresentare un altro campanello di allarme è il c.d. “hacktivism“, definito come “gruppi antagonisti di varia natura che realizzano attività di disturbo sul web“, e che nel corso della prima metà dello scorso anno hanno potuto rappresentare fino al 29% di tutti gli attacchi monitorati su Internet, e spesso profusi con semplici linee ADSL casa.

Confronta offerte ADSL

Redatto da un team di esperti italiani, il rapporto Clusit 2014 è stato presentato in occasione del recente Security Summit di Verona, evento organizzato dall’Agenzia Europea per la Sicurezza Informatica ENISA, con il supporto per l’Italia del Clusit, e in grado di arricchire ulteriormente il mosaico di discussione che sta coinvolgendo i Paesi membri Ue, attualmente impegnati nella realizzazione di una campagna comunitaria per la sicurezza informatica, con l’obiettivo di promuovere tra i cittadini la conoscenza delle minacce informatiche e dei metodi per contrastarle.

Commenti Facebook: