Cultura digitale grazie ai servizi Internet, la ricetta di Fastweb

In un’intervista a «La Stampa» l’ad di Fastweb, Andrea Calcagno, ha parlato dei progetti dell’azienda e si è espresso sui bisogni e le necessità degli italiani affinché gli obiettivi dell’Agenda digitale possano in futuro davvero dirsi raggiunti.

Internet aiuta a prevenire la depressione tra gli anziani
Internet aiuta a prevenire la depressione tra gli anziani

Secondo Calcagno non è solo la rete «fisica», i chilometri di fibra che vengono posati, a diffondere la banda ultralarga in Italia; non va infatti sottovalutato l’impatto della “service adoption“, la penetrazione dei servizi internet nelle famiglie per la creazione di cultura digitale. I dati italiani sono ancora ben poco soddisfacenti (una famiglia su due non ha Internet, solo il 15% della popolazione usa attivamente l’e-commerce, i rapporti digitali con la Pubblica amministrazione riguardano solo una frazione dei cittadini) ed è quindi necessario, per Calcagno, «far capire a chi vive senza Internet che il web può migliorare la vita di tutti i giorni» grazie a una collaborazione tra operatori, imprese e istituzioni.

I progetti di Fastweb

Per quanto riguarda i progetti di Fastweb, l’amministratore delegato ha dichiarato che l’azienda ha portato a compimento il 60% del suo progetto, che porterà entro fine anno a coprire il 20% della popolazione italiana grazie alla tecnologia Ftts, per portare la banda ultralarga (fino a 100 Mb/s) negli armadi stradali e poi nelle case. Calcagno ha anche fatto rilevare come i clienti di Fastweb in fibra generino 3-4 volte più traffico rispetto a chi ha un’Adsl, «segno che chi ha banda a disposizione, poi la usa». Non è tanto un problema di prezzi – ha aggiunto – ma c’è necessità di continuare a investire per migliorare la qualità, come Fastweb continuerà a fare con il calo dei prezzi dell’unbundling e del subloop, il tratto dall’armadio stradale alle case.

Il futuro nel mobile

Un accenno nell’intervista è stato dedicato anche alla futura crescita dell’azienda nel mobile. Calcagno ha ribadito l’intenzione di Fastweb di diventare un operatore full mvno come Poste Mobile, senza sbilanciarsi sulla rete d’appoggio: interrogato sulla possibilità di lasciare 3 Italia, l’ad ha detto di voler vedere i piani di sviluppo di 3, perché «per noi conta la qualità e la tecnologia che l’operatore sa offrire, attraverso gli investimenti nello sviluppo della rete Lte».
Confronta le offerte di Fastweb
Infine, qualche parola sulla struttura societaria. Andrea Calcagno non nasconde che nel mondo delle telecomunicazioni un consolidamento è da tempo all’orizzonte, ma sulla possibilità che Swisscom venda Fastweb a Vodafone l’ad ha ricordato che la società sta creando anche da sola valore per gli azionisti, essendo l’unica a crescere in ogni mercato e ad aver alzato il margine operativo lordo nel 2013.

Commenti Facebook: