Cubovision? Non funziona

Espanderemo il numero degli utenti di Internet, portandoli dai 12 milioni attuali a 20 milioni: Franco Bernabè aveva osannato Cubovision che doveva essere il prodotto Telecom Italia rivoluzionare destinato a cambiare il modo della fruizione dei contenuti. Ma non funziona e Telecom è pronto a ritirarlo dal mercato.

La killer application ha fatto una brutta fine: dopo milioni di euro di investimenti (4 solo nel mese di dicembre) anche in marketing per la costosissima campagna pubblicitaria, il Cubo non si può acquistare perché la produzione al momento è bloccata (lo si dice ufficialmente chiamando il 187).

Parlando con Mauro Munafò il rivoluzionario box, che prometteva mari e monti, ha fatto flop a causa principalmente del software ancora ingestibile e inaggiornabile.

Inoltre il media center, dotato di porta lan e una memoria fisica, deve iniziare a scontrarsi con un mercato topbox in grande ascesa che propone prezzi molto contenuti.

Il Velino fa maggiore luce sulle modalità di produzione del cubovision: due piccole, anonime, aziende italiane: Visionee (con sede a Treviso e Reggio Calabria) responsabile del software e Finmek, produttore hardware.

L’assurdità è che Finmek è un’azienda in liquidazione, ma che per produrre il box ha richiamato dalla cassa integrazione i suoi operai, a seguito di un accordo tra Visionee e il commissario liquidatore.

Cubo Vision viene venduto a 199 euro, il costo di produzione è stimabile intorno ai 60 euro, Telecom lo compra a 150. E la differenza?

Questa mossa può trovare sospetti fondati nell’essere solamente una trovata pubblicitaria per dimostrare al mercato finanziario che Telecom Italia sta investendo e innovando. Ma i 500 mila esemplari che Telecom avrebbe dovuto produrre nel 2010? Cubo Vision dov’è finito?

Forse l’accordo con Nokia permetterà di salvare capra e cavoli.

Ci pervengono le smentite delle affermazioni fatte da Il Velino, che possono leggersi in nota. Ogni informazione che fa riferimento quindi alla testata “il Velino” viene categoricamente smentita.

il numero degli utenti di Internet, portandoli dai 12 milioni attuali a 20 milioni: Franco Bernabè aveva osannato Cubovision che doveva essere il prodotto Telecom Italia rivoluzionare destinato a cambiare il modo della fruizione dei contenuti. Ma non funziona e Telecom è pronto a ritirarlo dal mercato.

La killer application ha fatto una brutta fine: dopo milioni di euro di investimenti (4 solo nel mese di dicembre) anche in marketing per la costosissima campagna pubblicitaria, il Cubo non si può acquistare perché la produzione al momento è bloccata (lo si dice ufficialmente chiamando il 187).

Parlando con Mauro Munafò il rivoluzionario box, che prometteva mari e monti, ha fatto flop a causa principalmente del software ancora ingestibile e inaggiornabile.

Inoltre il media center, dotato di porta lan e una memoria fisica, deve iniziare a scontrarsi con un mercato topbox in grande ascesa che propone prezzi molto contenuti.

Il Velino fa maggiore luce sulle modalità di produzione del cubovision: due piccole, anonime, aziende italiane: Visionee (con sede a Treviso e Reggio Calabria) responsabile del software e Finmek, produttore hardware.

L’assurdità è che Finmek è un’azienda in liquidazione, ma che per produrre il box ha richiamato dalla cassa integrazione i suoi operai, a seguito di un accordo tra Visionee e il commissario liquidatore.

Cubo Vision viene venduto a 199 euro, il costo di produzione è stimabile intorno ai 60 euro, Telecom lo compra a 150. E la differenza?

Questa mossa può trovare sospetti fondati nell’essere solamente una trovata pubblicitaria per dimostrare al mercato finanziario che Telecom Italia sta investendo e innovando. Ma i 500 mila esemplari che Telecom avrebbe dovuto produrre nel 2010? Cubo Vision dov’è finito?

Forse l’accordo con Nokia permetterà di salvare capra e cavoli.

Ci pervengono le smentite delle affermazioni fatte da Il Velino, che possono leggersi in nota. Ogni informazione che fa riferimento quindi alla testata “il Velino” viene categoricamente smentita.

Commenti Facebook: