Crollano i prestiti alle aziende e alle famiglie. Tassi dei mutui stabili

Ieri la Banda d’Italia ha segnalato una nuova contrazione in materia di prestiti. In particolare, crollano del 3,4% quelli emessi alle aziende, mentre nel settore privato il calo è meno consistente, pari allo 0,3% rispetto a novembre 2011. Rimangono stabili invece i tassi dei mutui al 4,05%. Si fanno sentire le conseguenze della riduzione del potere d’acquisto delle famiglie e la disoccupazione da record.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

A novembre, secondo quanto si legge sul giornale La Repubblica.it, la Banca d’Italia ha comunicato una nuova contrazione per i prestiti, sia nel settore privato come nelle aziende.

Nello specifico è stato registrato un calo dell’1,5% su base annua, dopo quello dell’1% verificatosi a ottobre 2012. In particolare, le richieste di finanziamento dalle famiglie si sono ridotti dello 0,3% (-0,1% a ottobre 2012), mentre quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 3,4% (-2,9% a ottobre 2012).

Il dato relativo alle società è la più grande diminuzione percentuale registrata dal novembre 2009. Il calo di novembre conferma un andamento in discesa sin dagli ultimi 7 mesi: a maggio -0,4%, a giugno -1,5%, a luglio -1%, ad agosto -1,9%, a settembre -3,2%, a ottobre -2,9%, sempre su base annua.

Mutui, tassi stabili

I tassi d’interesse sui mutui erogati alle famiglie sono rimasti stabili al 4,05% (4,06% a ottobre 2012); quelli sulle nuove erogazioni di prestiti personali sono invece diminuiti al 9,49% (9,65% a ottobre 2012).

I tassi d’interesse sui nuovi finanziamenti alle aziende sotto il milione di euro sono stati pari al 4,49% (4,51% nel mese precedente), in tanto che i tassi sui prestiti di importo maggiore a tale soglia sono stati pari al 3,06% (3,02% a ottobre).

Commenti Facebook: