Crisi economica, tutti i rincari 2012

Come conseguenza della crisi economica, diversi rincari sono previsti per questo 2012 appena iniziato: luce e gas tra i più importanti, ma anche molti altri aumenti colpiranno gli italiani durante questo nuovo anno, secondo le previsioni Istat.

Sull’aumento nelle bollette luce e gas ne abbiamo già parlato in precedenza, ma ricordiamo che le tariffe energia elettrica cresceranno del 4,8%, mentre quelle del gas del 2,7%.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Il prezzo della benzina, in continuo rialzo, influenzerà le economie domestiche per circa 192 euro l’anno. Ma i proprietari delle autovetture dovranno affrontare inoltre l’aumento dell’assicurazione auto. Difatti, diverse associazioni dei consumatori seguendo le previsioni dall’Istat, affermano che si attendono aumenti dei contributi pari a 78 euro.

Pure i costi autostradali si vedranno incrementati, fino ad un rialzo del 3,1% sulle tariffe.

Anche coloro che usano i trasporti pubblici subiranno le conseguenze della crisi. Federconsumatori e Adusbef anticipano che molto probabilmente i prezzi dei biglietti dei mezzi pubblici saliranno complessivamente del 30%, che significa un rincaro annuo di circa 50 euro. Un problema simile affronterà anche chi si muova in treno ogni giorno, che a fine 2012 avrà speso in biglietti 81 euro in più rispetto il 2011.

L’inflazione continuerà a farsi vedere nel supermercato. Secondo le associazioni, la spesa alimentare crescerà ancora del 7%, in parte come conseguenza dei prezzi superiori all’origine dei beni, ma soprattutto, dell’aumento nei costi di trasporto.

Al momento di eseguire transazioni bancarie, lo spread sui mutui, i bolli sui conti corrente e le commissioni sui servizi delle banche faranno crescere di 93 euro il rapporto tra i clienti e il proprio istituto di credito.

Complessivamente, Federconsumatori afferma che i rincari significheranno una spesa annuale di 2.103 euro a famiglia. Questi aumenti faranno diminuire ancora di più il potere d’acquisto degli italiani, il quale negli ultimi 10 anni è già calato del 40%.

Commenti Facebook: