Crisi del sonno, la responsabilità è (anche) di internet

Da quando internet ha fatto la sua comparsa nella nostra vita di tutti i giorni, molteplici sono state le conseguenze sui comportamenti quotidiani. Tra i più sgraditi, la cattiva influenza sui ritmi biologici e, in particolar modo, sulla facilità di prender sonno.

La dipendenza da internet è un fenomeno patologico in rapido aumento
La dipendenza da internet è un fenomeno patologico in rapido aumento

Secondo quanto afferma una recente ricerca condotta in Cina, infatti, la maggioranza delle persone terrebbe acceso il proprio cellulare 24 ore su 24 e, non appena ha la possibilità, naviga su internet alla ricerca di informazioni, di occasioni di svago e di intrattenimento delle relazioni sociali (virtuali) sui principali network.

Scopri le tariffe per navigare

In virtù di tale continuativo approccio, le ore che l’uomo sceglie di destinare al sonno continuano a ridursi fino a scendere al di sotto della soglia minima consigliabile. Ma quale è la cura per questa crisi del sonno?

Secondo quanto suggeriva la stessa ricerca, chi è affetto da questo disturbo dovrebbe dimezzare il tempo trascorso su internet e costringersi ad andare a letto relativamente presto, intorno alle 22 o 22.30, con una vera e propria terapia del riposo. Stando all’analisi, oggi la gente mostra una dipendenza eccessiva nei confronti del web, e il tempo trascorso online (mobile e fisso) può arrivare a diventare prevalente all’interno della giornata.

Commenti Facebook: