Cresce in Italia la penetrazione di Internet grazie alla banda larga mobile

Gli utenti di servizi di connettività a Internet a banda larga mobile hanno raggiunto in Italia quota 31,7 milioni nel 2014, in crescita di 17,8 punti percentuali su base annua, stando al Rapporto Assinform 2015. Gli accessi quotidiani alla Rete da dispositivi mobili hanno superato quelli da postazioni fisse, aggiunge l’Associazione italiana per l’Information Technology. Il divario con la media europea, tuttavia, è ancora consistente. 

La banda larga mobile spinge verso l’alto il tasso di penetrazione di Internet in Italia
La penetrazione di Internet in Italia nel Rapporto Assinform 2015

 

Cresce in Italia la penetrazione di Internet nella popolazione. Merito, soprattutto, della maggiore disponibilità di servizi di accesso alla Rete a banda larga mobile. Nel 2014, stando al Rapporto Assinform 2015, gli utenti di servizi di Internet Mobile a banda larga hanno toccato quota 31,7 milioni, in crescita di 17,8 punti percentuali su base annua.

Segno più anche per le vendite di smartphone, che nel 2014, in Italia, hanno raggiunto i 14,1 milioni di unità (+14,6% su base annua). La penetrazione degli smartphone sul totale della popolazione si è attestata al 41%, in linea con i valori registrati in Francia e in Germania, ma su livelli inferiori rispetto a quelli di Regno Unito (62%) e USA (56%).

Confronta offerte Internet Mobile

A quota 6 milioni i tablet venduti in Italia nel 2014, senza considerare le tavolette destinate al segmento business. La spesa relativa ai tablet è però crollata (il mercato consumer incide per circa il 70% del mercato tablet), mentre la crescita maggiore si è registrata per i personal computer desktop (+20%). Segno più anche per i notebook.

La diffusione di smartphone e tablet, in ogni caso, ha portato con sé il sorpasso in termini numerici degli accessi quotidiani a Internet da dispositivi mobili a danno di quelli da postazione fisse, si apprende ancora dal Rapporto Assinform 2015.

Nel 2014, le principali attività svolte dagli utenti di smartphone e tablet connessi a Internet sono state la fruizione di servizi di messaggistica istantanea, la ricerca di informazioni, l’invio e la ricezione di email, l’accesso ai social network e ad applicazioni di social networking. E sono risultati in crescita i servizi di home banking, commercio elettronico e streaming audio e video.

Con riferimento al social networking, in Italia si sono contati 28 milioni di profili attivi, di cui 22 milioni da dispositivi mobili, rendere noto Assinform. La penetrazione dei social network si è attestata al 46%, una percentuale in linea con la media europea e superiore a quelle registrate in Germania e in Francia.

L’Italia figura tra i Paesi europei ove si è trascorso più tempo sui social network, con una media quotidiana di 2 ore e mezza, a fronte delle 2 ore e 20 minuti registrate nel Regno Unito. Seguono Germania, Francia e Spagna, aggiunge Assinform.

Nonostante il contributo del mobile, la penetrazione di Internet in Italia risulta ancora nel complesso inferiore alla media europea, una situazione imputabile soprattutto alla scarsa disponibilità di infrastrutture per la banda larga (21% di copertura contro una media europea del 62%, secondo il Digital Economy and Society Index), conclude Assinform.

Commenti Facebook: