Credito al consumo: cos’è e quali le diverse tipologie in Italia

Tante Banche come finanziarie offrono ai consumatori una vasta gamma di prestiti per l’accesso ad ogni tipo di beni e servizi, come un’automobile nuova, l’arredamento per la casa, elettrodomestici, vacanze, studi universitari oppure semplicemente liquidità extra. Parliamo del credito al consumo, che però non è sempre uguale: vi sono molte tipologie di crediti al consumo in Italia.

migliori prestiti personali
Con il prestito personale di IBL Banca tassi convenienti e rate su misura
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Esistono molte forme diverse di prestiti al consumo, dai prestiti personali a quelli finalizzati per l’acquisto di un determinato bene o servizio, passando dalle carte di credito revolving alla cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Tutte queste tipologie di finanziamento hanno una cosa in comune: sono forme di credito al consumo.

Secondo il Testo Unico Bancario, il credito al consumo è la concessione di un finanziamento da parte di una società finanziaria a una persona fisica (società escluse) che non richiede il prestito per effettuare un’attività imprenditoriale o professionale.

Nel credito al consumo il rimborso avviene in forma rateale tramite pagamenti periodici di valore costante, composti da una quota con la quale viene rimborsata la somma ottenuta e da un’altra a titolo di interesse. Dal punto di vista legale rientrano nel credito al consumo tutte le somme da 200 a 75.000 euro, con contratti di una durata massima di 10 anni.

Credito al consumo: le tipologie

Sono essenzialmente quattro le forme di contratto di credito al consumo:

  • prestito personale;
  • prestito finalizzato;
  • cessione del quinto dello stipendio o pensione;
  • carta di credito revolving.

1. Il prestito personale è un finanziamento che non prevede una finalità determinata; è erogato direttamente a favore del cliente e rimborsabile a rate prestabilite, solitamente mensili. Presenta un tasso di interesse fisso ed è compreso tra i 200 e i 75.000 euro, con una durata massima di 10 anni.

2. Il prestito finalizzato è invece rivolto all’acquisto di un bene o servizio specifico. Viene erogato a favore del venditore dei beni/servizi che il cliente vuole acquistare. Di solito prevede un tasso di interesse fisso e il rimborso avviene tramite rate mensili.

3. La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è un tipo di prestito che prevede la cessione mensile di una parte del proprio stipendio o pensione. È dedicato esclusivamente ai lavoratori dipendenti, a progetto e pensionati.

4. Infine, la carta di credito revolving prevede la messa a disposizione del cliente di una somma (fido) che può essere impiegata a sua discrezione, con l’obbligo di restituzione tramite rimborsi periodici in una o più rate.

Per identificare il prestito più conveniente alle proprie esigenze, SosTariffe.it ha lanciato di recente il suo nuovo comparatore gratuito ed indipendente di prestiti online, che ti consentirà di individuare rapidamente quello che fa per te.

Confronta Prestiti

Commenti Facebook: