Costo RC auto Italia VS Europa: quanto la differenza?

Si assottiglia la differenza di costo fra RC auto in Italia e in Europa, ma i prezzi dello Stivale rimangono fra i più alti del Continente. La tariffa media pagata dagli automobilisti italiani negli utimi 3 mesi del 2015 è stata di 439 euro (-20% rispetto al 2012), ma in alcune Regioni si spende ancora meno, specie confrontando i prezzi dell’assicurazione online. 

Il prezzo medio dell'assicurazione è 439 euro. Paga meno chi confronta i prezzi online

Visto l’elevato costo delle assicurazioni auto e moto in Italia, i consumatori devono rimanere aggiornati sull’andamento dei prezzi per capire se è il momento giusto di cambiare compagnia e iniziare a risparmiare. Di recente Maria Bianca Farina, Presidente di Ania (Associazione Nazionale Imprese Assicurative), ha parlato dell’abbassamento del divario fra costo RC auto in Italia e in Europa. A quanto pare la differenza fra tariffe praticate nel nostro Paese e negli altri Stati si sta via via assottigliando: a tutto vantaggio di chi non vuol spendere troppo in assicurazione. 
Confronta assicurazioni auto

Italia VS Europa: cala il costo RC auto, cresce il risparmio

I dati pervenuti riguardano l’ultimo trimestre 2015 e sono più che aggiornati. L’Italia resta cara, ma la differenza di prezzo fra RC auto nostrana e assicurazioni europee è ora di appena 138 euro in media, contro le 213 euro calcolate fra 2008 e 2013. Il costo RC auto medio per gli italiani è di 439 euro, cioè il 20% in meno rispetto a tre anni fa. Si tratta di una tariffa media appunto, calcolata prendendo in considerazione i costi di tutte le compagnie RC auto operanti in Italia in tutte le Regioni.

Viene da sé che il dato non vale per ogni singolo assicurato, ma varia in base alla località di residenza e alle caratteristiche della polizza.

Per gli assicurati del Nord Italia ad esempio, l’assicurazione base costa meno se confrontata con le tariffe praticate nel Meridione. Tuttavia, anche al Sud è possibile risparmiare confrontando i prezzi online. Chi utilizza i comparatori di tariffe infatti, può ottenere più di 10 preventivi in ordine di prezzo in un solo click e personalizzare l’assicurazione aggiungendo garanzie accessorie come la polizza furto-incendio, la kasko o l’assistenza stradale.

Calcolando i preventivi online, l’RC auto base può costare anche meno di 439 euro e aggirarsi attorno alle 300 euro.
Confronta preventivi RC auto
Resta il fatto che il costo Rc auto finale, dipende da numerosi altri fattori e non solo dalla tariffa praticata dalla compagnia assicurativa. I dati che fanno crescere il prezzo sono in genere i seguenti:

  • classe di merito di provenienza (le classi più basse, dalla 10° alle 18° sono le più costose);
  • età del conducente (i neopatentati partono dalla 14° classe, non proprio economica);
  • aggiunta di diverse garanzie accessorie (ogni polizza aggiuntiva all’Rca base comporta una maggiorazione sul preventivo).

Ania: la differenza sta nel cambiamento

Maria Bianca Farina ha precisato come ormai il successo delle imprese assicurative non si deve solo al ramo RC auto, ma anche le assicurazioni vita, casa e alle coperture offerte in altri settori (viaggi ad esempio). Negli anni passati sono soprattutto le polizze vita ad aver fatto la differenza nelle casse delle assicurazioni, specie le coperture per il caso morte, segno che gli italiani credono fermamente nel valore previdenziale dell’assicurazione.  Il Presidente di Ania si è espresso con queste parole:

Non siamo più solo auto. Non lo siamo mai stati. È necessario che il mondo si renda conto del valore della copertura assicurativa e mai come in questo momento le sfide che il Paese ha davanti presuppongono proprio l’intervento di questo strumento che è il migliore per proteggere i cittadini e il Paese da tanti cambiamenti e da tanti bisogni emergenti.

La Farina considera il 2016 l’anno della positività sul fronte business assicurazioni, ma si augura un miglioramento del comparto salute. La maggior parte dei consumatori in Italia riconosce il valore dell’RC auto ma non quello delle assicurazioni infortuni, utilissime per affrontare con un aiuto economico le numerose spese sanitarie e ospedaliere. Un cambiamento su questo fronte gioverebbe sia alle compagnie che ai cittadini.
Confronta assicurazioni vita

Commenti Facebook: