Costi roaming azzerati dal 15 dicembre 2015

L’Europarlamento ha dato il via libera al pacchetto TLC che, tra le altre iniziative, anticipa dal luglio 2016 al 15 dicembre 2015 l’azzeramento dei costi del roaming. Diventano invece più aspre le trattative sulla neutralità di internet, che una parte degli eurodeputati vorrebbe rafforzare garantendo a tutti i servizi di accesso al web.

Anticipati i termini di azzeramento dei costi del roaming
Anticipati i termini di azzeramento dei costi del roaming

In attesa del voto finale, previsto per il prossimo 3 aprile 2014, la novità più gradita sembra essere quella dell’anticipo della fine dei sovraccosti del roaming, consentendo di fatto agli operatori di applicare gli oneri solo in alcuni casi eccezionali, ed eliminando comunque i tetti ai prezzi delle chiamate internazionali.

Confronta le offerte mobile »

Ne consegue che le nuove norme impediranno alle società che operano nel comparto delle telecomunicazioni di bloccare o di rallentare la connessione internet a servizi o applicazioni concorrenti (Skype e altri), conservando i propri servizi (es. video on demand) a patto che non interferiscano con la velocità di collegamento degli altri consumatori.

Tra le altre misure nel pacchetto, spiccano quelle sull’assegnazione dello spettro radio, con stima di un arco temporale di 20 o 25 anni di validità, al fine di stimolare e facilitare gli investimenti nelle tecnologie 4G e 5G.

Commenti Facebook: