Costi energetici, come tagliare le spese dei consumatori secondo l’UE

Negli ultimi 5 anni, i prezzi al dettaglio dell’energia elettrica all’interno dell’UE sono cresciuti notevolmente, malgrado quelli all’ingrosso siano addirittura diminuiti, mentre i prezzi del gas siano rimasti stabili. Una recente relazione della Commissione UE riguardo la crescita dei prezzi al dettaglio dell’energia propone norme per ridurre i costi energetici per i consumatori e rendere concorrenziali le compagnie europee sul mercato mondiale dell’energia.

come ridurre i costi energetici
Secondo l'UE per ridurre i costi energetici conviene cambiare fornitore luce o gas

Tra il 2008 e il 2012, i prezzi all’ingrosso sono calati, mentre i costi dell’energia elettrica per i consumatori sono cresciuti in maniera esplosiva.

Secondo una recente relazione della Commissione Europa, questi rincari variano notevolmente tra le diverse Nazioni europee, con alcuni consumatori che pagano da 2.5 a 4 volte in più rispetto ai clienti di altri Paesi UE.

L’UE spiega nella relazione perché i prezzi al dettaglio del gas e dell’energia elettrica sono in crescita esponenziale, proponendo ai cittadini e alle imprese alcune alternative per risparmiare energia elettrica e tagliare le spese.

Tagliare i costi energetici dei consumatori

La Commissione Europea ha intenzioni di completare il mercato comune dell’energia quest’anno e sviluppare le attuali infrastrutture energetiche. Secondo l’UE, un mercato più aperto e coordinato incrementerebbe gli investimenti e migliorerebbe la concorrenza. Di conseguenza, i consumatori avrebbero a disposizione tariffe luce più basse e conduzioni più eque.

Per tagliare i costi, i consumatori residenziali e le imprese farebbero bene a migliorare l’efficienza energetica, facendo uso di prodotti che consumano meno elettricità o altri accorgimenti che consentano di risparmiare sulla bolletta della luce.

Inoltre, secondo l’UE, per tagliare i costi elettrici i consumatori dovrebbero scegliere tariffe luce più vantaggiose o passare a fornitori luce e gas più convenienti.

Attraverso sistemi energetici flessibili, clienti più attenti ai consumi, mercati concorrenziali e una gestione più efficiente, l’UE sarà in grado di contenere meglio altri eventuali rincari sui prezzi energetici, favorire gli investimenti e ridurre i costi aggiuntivi.

Tagliare i costi energetici cambiando fornitore

Per aiutare i cittadini e le imprese a ridurre i costi energetici, SosTariffe.it mette a disposizione i propri comparatori gratuiti ed indipendente di tariffe gas e luce.

Utilizzando i comparatori, è possibile individuare con solo un paio di click l’offerta che meglio risponde alle proprie esigenze.

Ricordiamo che il passaggio al mercato libero è sempre gratuito, a prescindere dall’operatore scelto. Inoltre, non occorrono modifiche al contatore né agli impianti, e la continuità del servizio è garantita dall’Autorità.

Infine, dopo aver attivato la tariffa luce o gas scelta, si hanno sempre 10 giorni lavorativi per cambiare idea, grazie al diritto di ripensamento, grazie al quale è possibile tornare al precedente fornitore senza dover dare spiegazioni né sostenere penali o costi di alcun tipo.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: