Costi dispacciamento energia: cosa cambia dal 1 agosto

Arrivano novità importanti per quanto riguarda i costi dell’energia elettrica per i consumatori. A partire dal prossimo 1° di agosto, infatti, arrivano nuove regole per contrastare i costi impropri del dispacciamento nella bolletta. Ecco quindi cosa cambierà e come saranno tutelati i consumatori finali. 

Arrivano nuove norme che tuteleranno i consumatori

A partire dal prossimo 1° agosto entrano in vigore le nuove regole per contrastare il rischio di comportamenti opportunistici o anomali da parte degli operatori per quanto riguarda il mercato del dispacciamento. L’obiettivo è quello di evitare sbilanciamenti volontari da parte degli operatori che si trasferirebbero come costi impropri in bolletta per i consumatori finali ed un conseguente incremento della spesa per l’energia elettrica.

Per prevenire i comportamenti anomali, la nuova normativa prevede la modifica del meccanismo di riconoscimento del prezzo in caso di sbilanciamento (definito come la la differenza tra l’effettivo programma di prelievo presentato e le ragionevoli previsioni prima effettuate) impedendo così che il singolo operatore tragga vantaggio indebito da comportamenti di sbilanciamento volontari.

Il nuovo sistema entra in vigore da subito per tutti i grossisti, i trader e venditori ed i piccoli e grandi produttori. Dal gennaio del prossimo anno, queste novità di natura tecnica e normativa riguarderanno anche i piccoli produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Confronta le offerte per l’energia elettrica

Con il nuovo sistema vengono modificati i prezzi riconosciuti in caso di sbilanciamento, in modo tale che al divieto di sbilanciamento si affianchi anche un disincentivo economico che vada, a conti fatti, a tutelare i consumatori finali. Gli operatori che avranno comportamenti anomali, quindi, verranno, di fatto, penalizzati. Per monitorare il buon funzionamento del mercato dell’energia elettrica vi saranno anche nuove verifiche mensili da parte del Gestore della rete (Terna).

Costi dispacciamento energia: Tempi lunghi per la nuova normativa 

La normativa degli sbilanciamenti sarà oggetto di una riforma organica che verrà ultimata con l’assestamento del quadro regolatorio europeo in materia di balancing guidelines che, allo stato attuale, risulta ancora in corso di realizzazione. Tale riforma organica, quindi, sarà resa effettiva soltanto a partire dal 2017 e trovare completa applicazione, anche in considerazione dei tempi di approvazione europei, entro 2 anni. Al netto dei tempi tecnici, nel corso dei prossimi mesi il mercato dell’energia elettrica registrerà importanti novità che andranno a tutelare gli utenti.

Commenti Facebook: