Cos’è il Servizio di Maggior Tutela?

Dal 1° luglio 2007 il mercato dell’energia elettrica è completamente liberalizzato: ciò vuol dire che tutti i clienti finali possono scegliere il proprio fornitore luce sul mercato libero come previsto dal decreto-legge n.73/07 (convertito con legge 3.8.2007, n. 125) recante misure urgenti per l’attuazione di disposizioni comunitarie in materia di liberalizzazione del mercato elettrico. Scopri perché conviene abbandonare il Servizio di Maggior Tutela e passare al mercato libero dell’energia elettrica.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

confronta tariffe energia

In base alle disposizioni di tale decreto, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) ha predisposto iniziative e strumenti, in modo da assicurare un sistema di tutele e di salvaguardia per i clienti che non abbiano ancora scelto un proprio fornitore.

Il Servizio di Maggior Tutela si applica alle utenze domestiche, alle utenze per usi diversi dall’abitazione o per illuminazione pubblica (ossia piccole imprese connesse in bassa tensione aventi meno di 50 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 10 milioni di Euro) per i quali è garantita la fornitura di energia a prezzi stabiliti dall’Autorità per l’ Energia Elettrica e il Gas (AEEG).

I clienti che usufruiscono del Servizio di Maggior Tutela che intendessero stipulare contratti di fornitura luce o gas con venditori del mercato libero, avranno il diritto di recedere dal contratto di fornitura in essere in qualsiasi momento con un preavviso di un mese.

Perché conviene passare al mercato libero?

In questa maniera, coloro che sin dal 2007 non hanno mai cambiato fornitore luce (o gas), sono in Maggior Tutela, e i prezzi che pagano per l’energia elettrica sono quelli stabiliti per l’Autorità. Questo vuol dire anche, che ogni volta che ci sono aumenti della luce disposti per l’AEEG, le bollette degli utenti nel servizio tutelato aumentano, mentre quelli sul mercato libero non subiscono variazioni.

Passare al mercato libero dell’energia però ha ancora più vantaggi: non solo si può accedere alle tariffe luce a prezzo bloccato che evitano gli aumenti in bolletta durante il periodo di tempo in cui è previsto il blocco (normalmente 12 o 24 mesi), si può anche risparmiare.

In effetti, le offerte che lanciano i venditori presenti sul mercato libero normalmente sono più economiche rispetto i prezzi fissati dall’Autorità. Così, con alcune tariffe energia elettrica del mercato libero si può risparmiare fino a 160 euro all’anno.

Ad esempio, una famiglia numerosa con consumi piuttosto elevati (6.300 kWh/anno), può risparmiare circa 105 euro all’anno se attiva la tariffa E-Light Bioraria di Enel Energia (purché riesca a spostare almeno il 70% del consumo verso le ore agevolate, ovvero notte e weekend).

Vai a E-Light Bioraria di Enel

Se si preferiscono le offerte monorarie della luce, per non dover preoccuparsi di evitare consumare energia durante il giorno, si possono comunque risparmiare 100 euro circa all’anno con E-Light Monoraria di Enel, TiVoglioWeb di Sorgenia o Web Luce di Edison Energia, solo per menzionarne alcune.

Vai a TiVoglioWeb di Sorgenia

Sul mercato libero ci sono moltissime tariffe luce; per aiutarvi a identificare facilmente quelle più convenienti a seconda del proprio profilo, vi suggeriamo di utilizzare il nostro comparatore gratuito ed indipendente di tariffe elettricità, che cono solo un paio di click vi fornirà un elenco completo con le offerte luce che fanno per voi.

Migliori tariffe luce

Commenti Facebook: