Corruzione e risarcimenti assicurazioni, a Napoli le cause truffa

Implicati avvocati e giudici di pace in una truffa alle assicurazioni. Accade nella Provincia di Napoli a Marigliano e San Vitaliano, dove si raddoppiano cause e risarcimenti e dove il danno su un’auto dal valore commerciale di 600 Euro viene liquidato in 5.900. La corruzione dilaga e a farne le spese sono gli automobilisti onesti, sui quali continuano a gravare le tariffe per Rc auto.

Falsi sinistri e doppi risarcimenti. Giudici di pace sotto accusa

Mentre in tutto lo stivale continua la battaglia del progetto Rc auto Tariffa Italia per l’istituzione di una tariffa unica assicurativa su tutto il territorio Nazionale, a Napoli e Provincia giudici ed avvocati sono implicati in una truffa alle assicurazioni. Le istanze degli automobilisti onesti, dirette ad ottenere tariffe Rc auto più basse, vengono così annullate da chi vive nella corruzione e ottiene doppi, se non tripli risarcimenti dalle assicurazioni per falsi sinistri.
Confronta preventivi RC auto
Vincenzo Marsilia, perito di compagnie assicurative, ha deciso di denunciare le evidenti irregolarità nelle cause per risarcimenti Rc auto pendenti presso i giudici di pace di Marigliano e San Vitaliano. La truffa alle assicurazioni riguarda più cause e le modalità utilizzate per frodare le compagnie sono disparate.

Si va dalle richieste di risarcimenti per lo stesso sinistro, a liquidazioni del danno esorbitanti rispetto al valore commerciale dell’auto, fino a cause perse grazie al fascino di un’avvocatessa e ai falsi sinistri.

Commenti Facebook: