Corredo scolastico, Federconsumatori: spesa di oltre 1000 euro

Finite le vacanze estive per molti, per tante famiglie è necessario cominciare a organizzarsi per il corredo scolastico. E' possibile trovare già da qualche settimana i materiali per la scuola sugli scaffali dei supermercati, e molte famiglie hanno scelto di acquistare parte del corredo scolastico ad agosto, dilazionando nel tempo le spese. Secondo Federconsumatori quest'anno si spenderanno 514 euro per il corredo scolastico di ogni ragazzo, +1,5% rispetto allo scorso anno. Stabili i prezzi per libri e dizionari, una spesa di altri 530 euro circa.

Corredo scolastico, Federconsumatori: spesa di oltre 1000 euro

Stando ai dati dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, molte famiglie hanno già iniziato ad acquistare il corredo scolastico, che registra  nel 2015 un aumento medio del +1,5% e si aggira intorno ai 500 euro: la spesa, secondo Federconsumatori, passa da 506,50 euro del 2014 ai 514 euro di quest’anno.
Confronta tariffe e risparmia »

Gli articoli che hanno subito i maggiori aumenti sono gli zaini, i trolley, gli astucci e i diari, soprattutto quelli di marca. Uno zaino di marca riconosciuta costerà quest’anno tra i 64 euro al supermercato agli 80 euro in cartoleria, mentre per il trolley possono servire anche 93 euro. Per il diario si spenderà tra 11-16,50 euro, mentre per un astuccio di marca vuoto si pagheranno circa 12 euro, e per completo di tutto serviranno più di 30 euro.

Quelli che pesano comunque di più sulla spesa per la scuola rimangono sempre i libri di testo, il cui aumento – fortunatamente – è molto contenuto, spiega Federconsumatori. Nel 2015, infatti, in media per libri e due dizionari serviranno circa 530 euro a studente, ovvero +0,4% rispetto al 2014, mentre per uno studente di prima media si dovrà spendere per i libri di testo + 2 dizionari 485,20 euro ( +0,2%). Peggiore la situazione degli alunni di prima liceo, che sborseranno per i libri di testo + 4 dizionari 797 euro ( -0,2%).

Tutto sommato, tra corredo scolastico e libri di testi si parla di una spesa di oltre 1000 euro, perfino 1300 euro per i ragazzi di prima liceo.

Nonostante l’aumento molto contenuto, le spese per i libri continuano a superare in molti casi i tetti di spesa fissati dal Ministero”, dicono Federconsumatori e Adusbef. E’ indispensabile, spiegano le associazioni, adottare misure che consentano alle famiglie di risparmiare incentivando l’editoria elettronica, rendendo disponibili online gli aggiornamenti per le nuove edizioni dei libri e aumentando i prestiti dei testi da parte delle scuole.

Confronta Prestiti Online »