Contratti pubblici, cosa cambia con l’accordo Aeegsi e Anac

E’ ufficiale l’accordo tra Aeegsi e Anac in materia di contratti pubblici. Le due Autorità danno il via ad uno strettissimo rapporto di collaborazione che andrà, senza dubbio, a migliorare le attività di entrambe le realtà. Ecco cosa cambia con questo nuovo accordo per quanto riguarda i contratti pubblici, la trasparenza e le attività di anticorruzione.

I dettagli del nuovo accordo tra Aeegsi e Anac

In queste ultime ore, il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.A.C) Raffaele Cantone ed il Presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas e il sistema idrico (AEEGSI), Guido Bortoni hanno stipulato un importante protocollo di intesa teso a garantire la corretta attuazione ed applicazione di tutto il sistema di normative legate ai contratti pubblici.
Confronta le tariffe per l’energia elettrica

Lotta alla corruzione e massima trasparenza nei contratti pubblici

In particolare, l’accordo punta a garantire la massima trasparenza ed una forte lotta alla corruzione in tutti i settori le cui attività sono regolate dall’Autorità per l’energia. Inoltre, viene sancita anche, quando necessario, l’eventuale applicazione di misure straordinarie anticorruzione ed antimafia per il sostengo di tutte le realtà aziendali impegnate in settori come l’energia elettrica o il gas.

L’A.N.A.C e l’AEEGSI  daranno così il via ad un profondo rapporto di cooperazione che si articolerà in continui scambi di pareri ed avvisi oltre che nella concreta collaborazione in indagini conoscitive ed atti di indirizzo comune. L’autorità per l’energia, inoltre, avrà accesso alle informazioni contenute nella Banca dati dei contratti pubblici a livello nazionale in modo da poter, prontamente, acquisire tutte le informazioni necessarie all’attuazione di provvedimenti istruttori in corso o in via di attuazione.

Aeegsi e Anac: Scambio di informazioni continuo e reciproche segnalazioni

Grazie a questo protocollo di intesa, le due Autorità avranno facoltà di effettuare reciproche segnalazioni creando, quindi, una fitta rete di scambio di informazioni che, di certo, rappresenterà un importante strumento per le attività di entrambe le Autorità. Da notare, inoltre, che Aeegsi e Anac potranno collaborare all’invio di specifiche segnalazioni a Parlamento e Governo.

L’obiettivo è chiaro. Unire le forze per sostenere le imprese in settori “a rischio” e garantire una lotta continua e sempre più efficace alla corruzione con concrete iniziative antimafia. Nel corso delle prossime settimane, il protocollo d’intesa stipulato da Aeegsi e Anac diventerà, di fatto, effettivo e si inizieranno a registrare i primi effetti di questo accordo che, di certo, permetterà ad entrambe le Autorità di incrementare, notevolmente, la qualità del loro operato sotto diversi punti di vista.

Commenti Facebook: