Conto Energia: tariffe incentivanti per il fotovoltaico

Cala il prezzo dei moduli fotovoltaici e di conseguenza molti Paesi europei procedono al taglio degli incentivi. La nostra situazione in Italia non è diversa, riducendosi le agevolazioni per adeguare le tariffe ai costi.

Confronta tariffe energia elettrica

L’osservatorio di Solarbuzz (Solar Market Research and Analysis) afferma che a gennaio il prezzo del fotovoltaico è sceso ancora: in media, si tratta di un calo pari a 2,28 €/Wp (euro per watt di picco). Circa il 30% dei moduli fotovoltaici in Europa costa meno di 1,54 €/Wp.

I prezzi più bassi sono offerti da un fornitore tedesco, a 0,91 €/Wp per un modulo monocristallino, 0,82 €/Wp per un multicristallino e infine con 0,62 €/Wp si può acquistare uno a film sottile.

Rispetto gennaio 2011, Solarbuzz informa che il prezzo al dettaglio dei moduli è diminuito del 25%. Attualmente, i moduli cristallini rappresentano circa il 35-40% del costo totale dell’impianto, dato che il prezzo del resto dei componenti sono piuttosto stabili. Analizzando l’ultimo decennio invece, i moduli oggi costano un 60% in meno.

Perché calano i prezzi dei fotovoltaici?

La strepitosa diminuzione dei prezzi è causata principalmente dal forte divario tra domanda e offerta a livello mondiale. Nel 2011, la capacità produttiva mondiale era di 50 GW, ma la potenza installata non ha superato i 28 GW. Inoltre, l’introduzione di moduli fotovoltaici provenienti dal mercato asiatico in crescita ha spinto ad un’ulteriore riduzione dei prezzi.

In tanto, le decisioni politiche in materia di incentivi sono molto più lente rispetto la crescita della tecnologia e il trend dei prezzi del mercato, perciò le reazioni delle diverse nazioni europee sono state piuttosto confuse.

In particolare in Italia, c’è stata una forte spinta per promuovere l’installazione di pannelli fotovoltaici, sommata all’eccessivo conferimento di incentivi.

In questo ultimo periodo, inoltre, le regole in materia di energia elettrica sono state modificate in continuazione (decreto Romani e Quarto Conto Energia).

La potenza fotovoltaica italiana

Tuttavia, pur trovandosi oggigiorno in mezzo ad una situazione critica, il fotovoltaico italiano ha raggiunto risultati importanti in meno di 3 anni, naturalmente grazie alla politica di agevolazioni.

Nello specifico, in Italia sono stati installati circa 340mila impianti, di qui la stragrande maggioranza sui tetti (300mila); son 13 GW di potenza installati in totale, che contribuisco sul Pil di circa il 2% e hanno creato ben 100.000 posti di lavoro (includendo l’indotto).

Oggi, il fotovoltaico copre il 3,5% del fabbisogno nazione energetico, e quest’anno è previsto che si arrivi al 6%.

Commenti Facebook: