Conto corrente per minorenni: le 4 alternative di aprile 2022

I conti correnti per minorenni esistono o sono disponibili soluzioni diverse con le quali i minori possono iniziare a gestire i risparmi e apprendere le fondamenta della finanza? Analizziamo il mercato attuale al fine di comprendere quali siano le proposte disponibili oggi e quale scegliere.

Conto corrente per minorenni: le 4 alternative di aprile 2022

Conto corrente per minorenni: non si può parlare effettivamente di conto per chi ha meno di 12 anni. In questo caso è giusto usare il termine “libretto di risparmio”, soluzione che non prevede né costi di gestione, né costi di mantenimento, con un tasso di interesse variabile. 

Tra i 12 e i 17 anni, invece, sono disponibili dei veri e propri conti correnti per minorenni, ai quali è solitamente associata una carta prepagata e la possibilità di poter avere accesso a dei finanziamenti. 

Conto corrente per minorenni: le soluzioni di aprile 2022

Analizzando il mercato attuale, ci sono proposte differenti che si possono prendere in considerazione nell’ipotesi in cui si cercasse una soluzione finanziaria per i propri figli e nipoti. 

Di seguito saranno presentati:

  1. il conto corrente per minorenni UniCredit;
  2. il conto corrente per minorenni di Poste italiane;
  3. la carta prepagata Postepay;
  4. il conto Tinaba.

1. Miglior conto deposito per bambini: Genius Bimbi

La prima soluzione proposta da UniCredit, per la fascia compresa tra 0 e 12 anni è Genius Bimbi, un conto deposito a risparmio nominativo, che si rivolge ai bambini con la residenza in Italia. 

Si tratta di un libretto che permette di:

  • effettuare versamenti in contanti, presso qualsiasi sportello della Banca;
  • prelevare contante presso la Filiale che ha lo ha rilasciato;
  • ricevere bonifici SEPA in euro, sull’IBAN collegato. 

Si tratta di una soluzione davvero conveniente in quanto non ha costi di apertura, non prevede spese e l’imposta di bollo sarà a carico della Banca. Ogni anno viene calcolato un tasso di interesse pari allo 0,20% di quanto depositato. 

Genius Bimbi potrà essere richiesto da entrambi i genitori o da uno solo: chi ne ha fatto richiesta, potrà effettuare versamenti e prelievi di contante presentando il libretto che sarà rilasciato al momento della stipula del contratto. Quando il bambino avrà compiuto 13 anni, sarà possibile passare al conto Genius Teen, ovvero il conto corrente per minorenni di età compresa tra i 13 e i 17 anni.

Conto corrente per minorenni UniCredit: Genius Teen

Come appena precisato, Genius Teen è il conto di deposito a risparmio nominativo dedicato ai ragazzi dai 13 ai 17 anni residenti in Italia, i quali potranno gestire i propri risparmi ed effettuare acquisti in autonomia, entro i limiti contrattualmente previsti. 

Il conto corrente per minorenni UniCredit permette di:

  • ricevere bonifici SEPA in euro, sul codice IBAN collegato;
  • effettuare versamenti in contanti presso qualsiasi sportello della Banca;
  • prelevare contante in Italia e all’estero;
  • fare acquisti online e nei negozi. 

Genius Teen permette ai ragazzi di diventare economicamente più indipendenti e imparare a gestire le loro (seppur limitate) risorse finanziarie. Anche questa soluzione non prevede spese di apertura e di gestione.

Include una carta di debito internazionale e una carta prepagata ricaricabile, la quale potrà essere richiesta da chi ha già compiuto 14 anni. Ogni anno viene inoltre calcolato un tasso di interesse pari a 0,20% di quanto depositato. 

Una volta compiuti 18 anni, sarà possibile sottoscrivere un’altra tipologia di conto corrente, come per esempio My Genius, ovvero il conto corrente online a zero spese di UniCredit. Se sei interessato a saperne di più, clicca sul link che trovi qui sotto. 

Scopri di più su My Genius »

2. Conto corrente per minorenni Poste Italiane

Poste Italiane propone un libretto dedicato ai minori che:

  • avvicina al risparmio i bambini fino a 12 anni;
  • consente ai ragazzi tra i 12 e i 14 anni di acquisire dimestichezza con i propri risparmi;
  • insegna agli adolescenti tra i 14 e i 18 anni a gestire piccoli risparmi.

Ci sono infatti 3 tipologie di libretti di risparmio, le cui caratteristiche sono state riassunte nella tabella che segue. 

Nome libretto per minorenni di Poste Italiane Caratteristiche
Io Cresco – libretto dedicato ai bambini tra 0 e 12 anni versamenti e prelievi consentiti al genitore e al tutore

Io conosco – libretto dedicato ai ragazzi tra 12 e 14 anni

Versamenti e prelievi consentiti anche al minore fino a 30 euro al giorno e 250 euro al mese

Il genitore o il tutore possono richiedere la Carta IO, intestata al minore

Io capisco – libretto dedicato ai ragazzi tra 14 e 18 anni

Versamenti e prelievi consentiti anche al minore fino a 50 euro al giorno e 500 euro al mese

Il genitore o il tutore possono richiedere la Carta IO, intestata al minore

Sarà possibile richiedere la Carta Libretto Postale, ovvero la carta collegata al Libretto Minori dematerializzato, intestata al genitore o al tutore, con la quale si potranno:

  • fare versamenti, prelevare, controllare il saldo e la lista movimenti del Libretto Minori presso un ufficio Postale.
  • prelevare, controllare il saldo e la lista movimenti del Libretto Minori, presso gli ATM Postamat. 

3. Carta prepagata Postepay

Un’ottima soluzione alla quale si può ricorrere per favorire la pianificazione finanziaria dei propri figli è la carta prepagata, ovvero una carta di pagamento non collegata a un conto corrente, che potrà essere utilizzata per fare acquisti e ricaricata soltanto dell’importo desiderato. 

Tra le migliori soluzioni di carte prepagata disponibili oggi troviamo la carta Postepay. Ai minori è dedicata una versione speciale che si chiama Postepay Green. Questa carta, che è stata anche eletta prodotto dell’anno 2022, consente di:

  • pagare con tranquillità;
  • ricevere la paghetta dai propri genitori. 

Prevede un costo di emissione di 5 euro e presenta i seguenti vantaggi:

  • con l’App Postepay, si potrà accedere a un sistema di pagamenti innovativo, real time, sostenibile e smart, oltre che fare shopping pagando contactless con Apple Pay, Google Pay o inquadrando con lo smartphone il Codice QR esposto nei negozi convenzionati;
  • si potranno dividere le spese con gli amici grazie al p2p. Con App Postepay sarà infatti possibile pagare la propria parte senza dover ricordare il numero della carta dell’amico di turno;
  • si potranno acquistare biglietti per i mezzi di trasporto direttamente dall’App Postepay e non si avrà quindi bisogno del cartaceo. 

4. Conto Tinaba

Tinaba permette di aprire un conto gratuito a partire dai 12 anni e di ricevere una carta prepagata che potrà essere utilizzata ovunque. Si tratta di un vero e proprio conto corrente e rappresenta una delle soluzioni di conti correnti per minorenni più convenienti tra quelle disponibili in commercio. 

Come si legge sul sito ufficiale, “Con Tinaba e Banca Profilo anche i clienti privati che hanno tra i 12 e i 17 anni possono aprire un conto corrente, semplice da gestire e gratuito. Ricaricare il conto è molto semplice e si può scegliere ogni volta il metodo più comodo: con bonifico bancario, carta di credito, debito e prepagata”.

Si potrà dunque sottoscrivere un conto destinato proprio agli under 18, con età compresa tra i 12 e i 17 anni, che si differenzia rispetto a un classico conto corrente a zero spese per giovani, rivolto invece a chi ha un’età compresa fra i 18 e i 30/35 anni. 

Scopri di più su Tinaba »

Si riceverà, dunque, una carta prepagata appartenente al circuito MasterCard, la quale potrà essere ricaricata in modo istantaneo dal conto Tinaba o dai tuoi Gruppi, e utilizzata per fare acquisti online e presso gli store fisici. La carta associata al conto under 18 è soggetta ai limiti imposti dal tutore direttamente in app: in questo modo si avrà dunque la possibilità di controllare e gestire i movimenti dei propri figli. 

Questa tipologia di conto corrente per minorenni potrà essere sottoscritta soltanto con l’autorizzazione di un genitore o del tutore maggiorenne, il quale potrà anche impostare delle notifiche per essere avvisato ogni volta che i movimenti effettuati dal minore superano la soglia giornaliera o mensile massima che è stata impostata.

L’apertura del conto è davvero semplicissima: se il tutore è già iscritto a Tinaba, la validazione potrà essere inviata direttamente dall’App. Altrimenti, si riceverà via SMS un link per la registrazione.