Conti correnti remunerati: nuovo Conto Risparmia Facile di UniCredit

Conto Risparmia Facile è il conto corrente di Banca UniCredit che abbina l’operatività di un conto corrente classico con la possibilità di risparmiare in maniera semplice come se fosse un conto deposito. Questo conto corrente remunerato, in effetti, ti consente di accumulare piccoli risparmi, attraverso un piano flessibile di versamenti mensili con un investimento minimo di soli 50 euro. Scopri il nuovo Conto Risparmia Facile di UniCredit.

Vai a Conti Correnti UniCredit

Conto Risparmia Facile di Banca UniCredit è un conto corrente remunerato, ovvero che consente di ottenere un rendimento attraverso il versamento di piccole rate mensile.

E’ il cliente a decidere quanto versare mensilmente, partendo da una rata minima di 50 euro, che può essere aumentata per multipli di 50 euro fino ad un massimo di 200 euro.

E’ importante sottolineare che l’ammontare dei versamenti mensili, convenuti all’atto della stipula del contratto, non è modificabile successivamente.

Il titolare di un Conto Risparmia Facile può interrompere i versamenti in qualsiasi momento, e prelevare le somme accumulate in tutto o in parte, senza vincoli o penalizzazioni.

Per effettuare i versamenti è possibile eseguire un ordine ripetitivo da conto corrente di corrispondenza di pari intestazione acceso presso UniCredit oppure tramite bonifico in euro proveniente da altre Banche (Bonifici domestici e SEPA)

La durata di questo conto corrente remunerato è di 36 mesi, e gli interessi al tasso annuo dell’1,25% lordo vanno liquidati annualmente.

Non sono previsti costi di apertura, liquidazione o chiusura del conto.

Per aderire a Conto Risparmia Facile è necessario essere intestatario di un conto corrente UniCredit.

Vuoi conoscere l’offerta completa di conti correnti tradizionali di Banca UniCredit? Utilizza il nostro comparatore gratuito, attraverso il quale potrai, inoltre, mettere a confronto i migliori conti corrente e trovare quello più adatto per te.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: