di

Conti correnti e deposito: si può guadagnare nel 2015?

Settimana scorsa i titoli di Stato hanno segnato rendimenti lordi negativi direttamente in asta. E' la prima volta nella storia che il Tesoro colloca gli 1,75 miliardi di Ctz biennali, con un rendimento pari a -0,023%. Malgrado i tassi d'interesse più bassi rispetto a qualche anno fa, i conti correnti e deposito consentono nel 2015 di guadagnare più che i titoli di Stato.

Conti correnti e deposito: si può guadagnare nel 2015?

Pagare per prestare denaro: è praticamente ciò che è successo settimana scorsa, quando si sono registrati tassi negativi record sui rendimenti dei titoli di Stato, e non solo in Italia. Sono momenti bui per gli investitori, che anziché guadagnare devono “pagare” per dare soldi in prestito allo Stato. Quando si tratta di ottenere un profitto in maniera semplice, veloce e gratuita, meglio optare per i conti correnti e deposito, che nel 2015 consentono di guadagnare più che i titoli di Stato.

I tassi negativi sui titoli di Stato non hanno infatti sorpreso nessuno: che i conti deposito rendono più del Tesoro lo aveva già dimostrato uno studio condotto dall’Università Bocconi per CorrierEconomia quest’estate. In quel momento, spiegava il Corriere della Sera, il Bot era stato battuto con un guadagno dello 0,1% netto, e non era andato in negativo unicamente perché non erano state applicate le commissioni previste per legge. Quest’estate per superare l’1% dei conti correnti e deposito bisognava aspettare 7 anni con un Btp (1,42%), e perfino dieci anni per superare il 2% con il Btp. Invece, spiegava il giornale, a luglio era possibile ottenere un rendimento cinque volte più alto dell’inflazione, ovvero l’1% netto.

Tassi più bassi ma ancora vantaggiosi

Sui conti deposito i tassi d’interessi sono calati molto, tenendo conto che fino a un paio di anni fa si otteneva facilmente un 5% di rendimento anche a 12 mesi, mentre adesso è difficile perfino raggiungere il 2% lordo annuo. Tuttavia, il conto deposito conviene lo stesso anche perché non prevede spese: con alcune banche il cliente non paga nemmeno l’imposta di bollo. In più, l’investimento è sicuro, perché le somme sono tutelate fino a 100.000 euro dal Fondo di Tutela Interbancario.

Il conto deposito offre quindi, a breve-medio periodo, tassi migliori rispetto ai titoli di Stato. Ma anche i conti correnti non sono da sottovalutare, con rendimenti che possono sembrare irrisori (1% lordo annuo) mentre in uno scenario di deflazione come quello attuale sono invece molto importanti, perché superano di gran lunga l’inflazione. Con i conti correnti, inoltre, spesso vengono lanciate promozioni interessanti con tassi ancora più superiori; d’altronde, l’imposta di bollo prevista dalla legge per i conti correnti è fissa a 34,20 euro annui, e non proporzionale all’ammontare investito come nel caso dei conti deposito.
Confronta Conti Deposito »

Quali i migliori conti correnti e deposito per investire?

Con l’aiuto del comparatore di SosTariffe.it abbiamo fatto una ricerca per individuare i migliori conti correnti e deposito per investire, simulando un investimento di 20.000 euro e selezionando il filtro “Miglior Tasso“, per analizzare i rendimenti più elevati con tutti i vincoli temporali. Ecco i nostri risultati.

1.Conto Widiba: è un conto corrente online a zero spese, che offre un rendimento lordo a 12 mesi promozionale a 2,50% per i nuovi clienti che rottamano il vecchio conto corrente. Per il bollo si pagano 34,20 euro fissi all’anno, ma solo per giacenze superiori ai 5.000 euro, altrimenti è gratuito.

Scopri Conto Widiba »

2. Vincolo Facto: è il conto deposito online di Banca Farmafactoring, con un rendimento a 36 mesi pari all’1,75% lordo. L’imposta di bollo proporzionale è sempre a carico della banca, a prescindere delle cifre depositate. Con Vincolo Facto Plus è possibile l’estinzione anticipata dell’investimento, con un rendimento lordo dell’1,55% a 36 mesi.
Scopri le proposte Facto »

3. ContoInCreval: il conto deposito del Credito Valtellinese raggiunge l’ 1,60% lordo per i vincoli a 24 mesi, senza spese extra oltre al bollo previsto dalla legge.
Più info su ContoInCreval »

4. Conto InMediolanum: propone un rendimento del 1,25% riconosciuto sui nuovi vincoli a 12 mesi, con nessuna spesa extra oltre al bollo e la possibilità di estinguere il vincolo prima della scadenza;
Vai a Conto InMediolanum »

5. Conto Deposito Che Banca! prevede un tasso lordo dell’1,00% per i vincoli a 12 mesi, con la possibilità dell’estinzione anticipata e un bollo proporzionale alla somma investita come unica spesa;
Più dettagli su Conto CheBanca! »

6. Conto Deposito YouBanking: offre un rendimento pari all’ 1,00% lordo per i vincoli a 18 mesi, con l’imposta di bollo sempre a carico della banca a prescindere dall’ammontare investito;
Scopri Conto YouBanking »

7. Hello! Money di Hello bank!: si tratta di un conto corrente online a zero spese, con cui si può usufruire di un rendimento dello 0,75% senza vincoli. Il bollo è fisso a 34,20 euro e i nuovi clienti ricevono in omaggio un buono Amazon.it di 150 euro;
Più info su Hello Money! »

8. Conto Deposito per il Futuro di Banca Etica: propone un rendimento dello 0,55% per i vincoli a 48 mesi, senza spese oltre al bollo e con la possibilità di estinguere anticipatamente;

9. CashPark di Fineco: offre un guadagno pari allo 0,50% per i vincoli a 12 mesi, o dello 0,40% se si sceglie la sicurezza di poter estinguere il vincolo in anticipo. Nessuna spesa oltre al bollo previsto dalla legge;

10. Deutsche Bank Easy: tasso d’interesse dello 0,25% senza vincoli, con l’imposta di bollo sempre a carico della banca.

Utilizza il nostro comparatore gratuito per mettere a confronto tutti i conti deposito e scegliere quello che meglio si adatta alle tue esigenze.

Confronta Conti Deposito