Contatori 2G, come funzionano: stop ai consumi stimati

Il 2016 è l’anno in cui si prevede l’arrivo dei contatori 2G, rilevatori di nuova generazione che sostituiranno i vecchi modelli. Con la loro installazione diremo addio alle voci di consumo stimato: saranno infatti in grado di rilevare i consumi degli utenti ogni 15 minuti e di inviarli automaticamente a distributori e venditori.

Contatori 2G, come funzionano: stop ai consumi stimati
Contatori 2G, come funzionano: stop ai consumi stimati

Sono già passati 15 anni dalla prima installazione dei contatori di Energia Elettrica 1G con display digitale. La loro vita utile, annuncia l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, è giunta al termine ed è arrivato il momento di sostituirli con modelli di nuova generazione.

Da quest’anno, infatti, partirà la sostituzione progressiva dei rilevatori di consumi Energia Elettrica, ormai obsoleti, con i nuovi contatori 2G, dotati di funzioni inedite, come rilevazione continua dei kWh usati e telelettura automatizzata.

L’AEEGSI ha dichiarato che ogni distributore avrà l’obbligo di sostituire i vecchi contatori con modelli che rispettino alcune caratteristiche tecniche base. Vediamo quali sono.
Risparmia sulla bolletta del Gas confrontando gli operatori

Addio ai consumi stimati con i contatori 2G

I nuovi contatori dovranno essere dotati di sistema in grado di effettuare rilevazioni di consumi almeno ogni 15 minuti. Questo ridurrà a zero il valore dei consumi stimati, spesso non in linea con quelli reali (soprattutto durante i cambi di stagione). Questi dati potranno essere letti dagli utenti sul dispositivo stesso, oppure potranno essere scaricati su device personali in modo da analizzare i propri comportamenti di consumo.

Contatori 2G sempre connessi con i distributori

Tra le altre caratteristiche che i nuovi contatori 2G dovranno supportare, c’è la connessione diretta con gli operatori per le funzioni di telelettura e telegestione dell’Energia Elettrica. I dispositivi potranno essere connessi in due modi: il primo è attraverso una connessione PLC, trasmettendo dati attraverso la linea elettrica, e il secondo prevede comunicazioni in radiofrequenza. La lettura dei registri di consumo e le eventuali modifiche tariffarie potranno essere effettuate automaticamente in brevissimo tempo.
Scopri qual è la connessione Internet più adatta per la tua casa

Gli sviluppi futuri dei contatori 2G

Non sono ancora stati installati e già si prevedono nuove funzionalità per facilitare sempre più le comunicazioni tra utente e distributori e venditori e per ottenere un maggior risparmio energetico attraverso il controllo dei consumi in tempo reale. L’evoluzione dei contatori per l’Energia Elettrica prevede per il futuro connessioni attraverso la rete Internet, preferibilmente wireless, sia per la trasmissione dei dati, sia per le comunicazioni con dispositivi di gestione intelligente del comfort domestico.

Commenti Facebook: