Contabilità e bilancio familiare

Popolo di risparmiatori, gli italiani hanno subito un colpo particolarmente duro con la crisi innestata dai mutui subprime ormai quasi dieci anni fa, che ha gettato molte famiglie sul lastrico e dalla quale solo ora iniziamo a riprenderci. Budget costruiti con pazienza e che consentivano una vita dignitosa con la possibilità di togliersi anche qualche sfizio sono diventati insufficienti, e aggiungendo una pressione fiscale sempre più onerosa è facile capire come contabilità e bilancio familiare ora richiedano più attenzioni che mai.

Budget
Tra applicativi per PC e piattaforme online, ecco come tenere sotto controllo le spese

L’alleato: il computer

I tradizionalisti continuano a preferire carta, penna e calcolatrice (magari quella del proprio cellulare o smartphone), ma il modo migliore per gestire un bilancio familiare è, ormai, quello di farlo usando gli strumenti che l’informatica ci mette a disposizione. Programmi sempre più sofisticati velocizzano di molto la catalogazione delle nostre spese e delle nostre entrate, permettendoci di vedere con un colpo d’occhio le diverse categorie delle uscite per capire subito dove intervenire.

I migliori software di contabilità domestica

I programmi per gestire il proprio bilancio sono tanti, molti di questi free mentre altri prevedono il pagamento di una certa somma per sbloccare le funzionalità più avanzate, e hanno ereditato il posto lasciato libero dall’ormai obsoleto Microsoft Money.

  • Quicken è forse il software più celebre per la gestione della contabilità domestica, ricco di funzioni molto avanzate e disponibile sia per Macintosh che per Windows. Malgrado l’interfaccia sia piuttosto semplice, il target di Quicken sono in particolare gli investitori e i broker finanziari, vista la possibilità di gestire anche investimenti di portafoglio. Il prezzo non è dei più economici e si aggira sui 60-70 dollari.
  • AceMoney costa 39,99 dollari sia per Windows che per MacOS X, ma è disponibile anche una versione Lite che offre tutte le funzioni di base del programma: gestione finanziaria, gestione del budget, tracciamento delle performance dei vari investimenti e così via. È possibile gestire le finanze di due conti, creare e gestire budget mensili e controllare anche le scadenze di bollette e pagamenti vari.
  • GnuCash è molto simile a Quicken ma, a differenza di quest’ultimo, è open source e completamente gratuito, adatto sia alle famiglie che alle piccole imprese. Con il supporto della contabilità a partita doppia, l’importazione dei dati QIF/OFX/HBCI e la creazione di grafici o resoconti dettagliati, si impone come una delle alternative più convenienti e potenti per la gestione del budget di casa. C’è solo un problema: non è propriamente semplicissimo, almeno al primo impatto, ed è necessario avere un po’ di pazienza per capirne tutte le potenzialità.
  • MoneyWiz è una delle opzioni più accreditate per OS X: disponibile anche in versione iOS, permette di tenere sotto controllo le finanze di casa anche in mobilità, sincronizzando tramite iCloud le spese registrate anche sul momento, per non perdere di vista proprio nulla.
  • Grisbi è un altro programma open source di grande semplicità, con un’interfaccia molto pulita e opzioni organizzate in schede per una maggiore facilità di consultazione. Anche qui è possibile gestire più conti insieme, con diverse categorie per entrate e uscite.
  • Money Manager Ex ricorda da vicino GnuCash e come questo è gratuito, con un’interfaccia utente abbastanza lineare e la possibilità di vedere tutte i movimenti finanziari del periodo selezionato con un solo colpo d’occhio.

Le nuove opzioni, i conti correnti

Oltre ai programmi qui citati, però, i conti correnti online offrono oggi una notevole quantità di strumenti pensati proprio per gestire le finanze domestiche. Ormai, gran parte degli italiani compiono tutte le proprie operazioni finanziarie – dalla gestione del portafoglio, con operazioni di trading anche molto avanzate, fino al pagamento delle utenze e ai bonifici – usando l’home banking.

Il motivo va ricercato anche nel ricorso sempre più convinto alle carte di credito e al Bancomat rispetto al contante, sul modello dei Paesi anglofoni: oltre alla comodità di non doversi portare dietro le banconote, con tutti i rischi che ne conseguono, la valuta elettronica permette di tracciare con precisione i movimenti del mese.

Fra i conti correnti che offrono applicativi per la gestione del bilancio di casa va ricordato innanzitutto MoneyMap di Fineco, disponibile anche in versione mobile tramite l’app dell’istituto di credito: con MoneyMap è possibile gestire il proprio budget e tenere i risparmi sotto controllo, con la grande comodità del raggruppamento in automatico delle spese in diverse categorie, che consente (anche grazie all’uso delle notifiche) di essere avvertiti quando con un acquisto stiamo superando le soglie che ci siamo imposti. MoneyMap è gratis per due mesi per i nuovi clienti di Fineco, e anche in seguito è possibile azzerare il suo costo mensile compiendo operazioni con il proprio conto, limitando i prelievi di contante e utilizzando la propria carta di credito.
Scopri il Conto Corrente Fineco
Simile a MoneyMap, anche per l’utilizzo di un algoritmo che permette il riconoscimento automatico delle tipologie di spesa, è Hello! Personal, lo strumento ideato per i propri correntisti da Hello Bank!. Hello! Personal è semplice, veloce e gratuito e permette di accedere a un quadro sistematico e ben dettagliato della propria situazione finanziaria, con la registrazione automatica degli acquisti effettuati con la carta di credito di Hello Bank!: una buona soluzione, pertanto, per chi acquista molto online, facendo ricorso ad Amazon o ad altre piattaforme di e-commerce.

Da ricordare, poi, che oltre agli applicativi per la gestione di contabilità e bilancio familiare quasi tutti i conti correnti offrono ormai la capacità di effettuare operazioni sul proprio portafoglio titoli e di trading, sia da computer che in mobilità, con smartphone e tablet.

Commenti Facebook: