di

Consumi energetici in calo: -3,4% nei primi 5 mesi dell'anno

Secondo i più recenti dati Terna, i consumi energetici nei primi 5 mesi del 2014 hanno segnato una flessione pari al 3,4% rispetto lo stesso periodo del 2013 (gennaio - maggio). E' simile il valore anche a parità di calendario (-3,2%). I consumi energetici del mese appena finito, confrontati soltanto con maggio 2013, hanno fatto registrate un calo del 2,9%.

Consumi energetici in calo: -3,4% nei primi 5 mesi dell'anno

A maggio 2014, in Italia è stata richiesta una quantità di energia elettrica pari a 24,9 miliardi di kWh. Si tratta di una domanda energetica che è diminuita del 2,3% rispetto a maggio 2013, a parità di temperatura media mensile ma con un più basso numero di giorni lavorativi (21 contro 22). Il valore appena riferito, in effetti, è al netto del giorno lavorativo in meno.

Secondo l’ultimo report di Terna, la domanda energetica nel nostro Paese è calata a maggio 2014 rispetto allo stesso mese del 2013. In particolare, l’idroelettrico ha subito una flessione importante, pari al 9,1%, oltrepassato però dall’energia eolica che è scesa quasi di 24 punti percentuali.

Sono positivi invece i risultati per il fotovoltaico e geotermoelettrico, che hanno fatto segnalato una variazione rispettivamente del 10,4% e del 3,5%.

Per quanto riguarda il saldo di energia con l’estero, i valori sono in calo (-3,2 %). Nello specifico, la produzione nazionale netta (22,2 miliardi di kWh) è scesa del 3,2% rispetto a maggio dell’anno scorso.

Sono in aumento le fonti di produzione fotovoltaica (+10,4%) e geotermica (+3,5%), mentre scendono le fonti eolica (-23,8%), idrica (-9,1%) e termoelettrica (-0,2%).

I 24,9 miliardi di kWh richiesti nel mese appena finito sono distribuiti per il 47,1% al Nord, per il 28,9% al Centro e per il 24,0% al Sud. A livello territoriale, la variazione della domanda energetica nel mese scorso è stata negativa dappertutto: -3,7% al Nord, -2,6% al Centro e -1,4% al Sud.

Infine, Terna ha informato che a maggio 2014 la richiesta di energia elettrica è stata soddisfatta per l’88,1% con produzione nazionale e per la quota restante (11,9%) con quella importata dall’estero.

Confronta Tariffe Energia Elettrica »

Commenti Facebook: