Consumi crollano del 5% in 5 anni. Scopri come risparmiare tagliando le bollette

Tra il 2007 ed il 2012 la crisi ha fatto calare i consumi delle famiglie del 5%, al netto dell’inflazione. Secondo la Cgia di Mestre, questo crollo rappresenta una contrazione della spesa pari ai 44,5 miliardi di euro. Gli italiani hanno tagliato la spesa automobilistica, di abbigliamento, bevande e tabacco, ma anche quella alimentare. Ad aumentare invece le bollette dell’energia elettrica, acqua e gas. Con il mercato libero però puoi risparmiare oltre 300 euro all’anno su luce e gas.

Confronta Tariffe Gas

Secondo la Cgia di Mestre, il calo dei consumi del 5% negli ultimi 5 anni si è sentito sopratutto nei settori: auto, carburanti e trasporto pubblico (-19,2%, pari a -22,7 miliardi di spesa); abbigliamento e calzature (-13,9% pari a -9,6 miliardi); bevande e tabacco (-10,1% pari a -2,3 miliardi); alimentari e bevande non alcoliche (-9,6%, pari a -12,4 miliardi ); mobili, elettrodomestici e manutenzione casa (-8,4%, pari a 5,4 miliardi).

Per quanto riguarda i rincari, invece, hanno interessato le spese familiari per la casa, le bollette di energia elettrica, acqua e gas (+3,9%), le spese sanitarie (+3,8%), le comunicazioni (+3,1%) e la cultura (+3%).

La crisi ha cambiato lo stile di vita degli italiani. Si acquistano meno auto nuove e quelle in circolazione rimangono sempre più in garage. La spesa per le scarpe, i vestiti ed il cibo si è ridotta all’osso”, ha spiegato il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi.

Nel contempo sono aumentati in modo deciso i costi legati alle abitazioni – continua Bortolussi -. Si risparmia sugli acquisti dei beni non alimentari, riparando tutto ciò che è possibile: dall’abbigliamento alle calzature, dalle Tv alle lavatrici, mentre mangiamo sempre meno pane, carne e frutta”.

Al riguardo il segretario ha avvertito che ”va assolutamente scongiurata l‘ipotesi di ritoccare all’insù l’aliquota ordinaria dell’Iva proprio per non peggiorare una situazione che sta mettendo in affanno le famiglie italiane e molti milioni di artigiani e di piccoli commercianti che con queste contrazioni di spesa faticano a rimanere aperti”.

Come risparmiare tagliando le spese di casa

Per fare fronte a questa crisi economica e occupazionale, vogliamo fornirvi alcuni consigli su come risparmiare sulle bollette.

SosTariffe.it mette a disposizione degli italiani una serie di comparatori gratuiti ed indipendenti di tariffe energia elettrica, gas, ADSL, telefonia mobile, o conto corrente.

Cambiando fornitore è possibile risparmiare fino a 1.200 euro, come spiegato nel nostro ultimo osservatorio sulla convenienza di cambiare operatore.

Tariffe Energia Elettrica e/o Gas

Nel settore dell’energia elettrica e/o gas, attivando una tariffa del Mercato Libero si può risparmiare fino al 10% della spesa annua. Si tratta di un risparmio che può oltrepassare in alcuni casi i 185 euro all’anno per il  gas, e i 150 euro all’anno per la luce, rispetto la tariffa a Maggior Tutela.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Telefonia Mobile

Nell’ambito della telefonia mobile, SosTariffe.it ha dimostrato che la portabilità del numero ad altro operatore consente di approfittare delle offerte riservate ai nuovi clienti, con un risparmio che può superare il 30% mensile.

Confronta Tariffe Cellulari

Tariffe ADSL

Per quanto riguarda l’ADSL, SosTariffe.it ha pubblicato un osservatorio nel quale è stato dimostrato che cambiando operatore ADSL la spesa annua può ridursi perfino di 400 euro all’anno, approfittando le offerte per i nuovi clienti. Leggi l’osservatorio per saperne di più.

Confronta Tariffe ADSL

Conti correnti e Conti Deposito

In materia di conti di deposito, SosTariffe.it ha individuato le banche con cui non si paga l’imposta di bollo.

Anche in materia di conti correnti ci sono stati rincari, sempre tramite l’aumento dell’imposta di bollo. Sul nostro portale potete individuare molto facilmente i conti correnti a zero spese e senza bollo, utilizzando i filtri disponibili a sinistra nella pagina del comparatore.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: