Conciliazione 2018: se il fornitore non si presenta deciderà l’AEEGSI

A partire dal prossimo 1° gennaio 2018 nei casi in cui un operatore di energia elettrica o gas non dovesse presentarsi alla conciliazione si avrà a disposizione una nuova possibilità con l’Autorità per l’energia AEEGSI che sarà chiamata a risolvere, in modo definitivo, la controversia. Ecco tutti i dettagli di quanto annunciato oggi dall’Autorità in merito. 

Dal 1° gennaio 2018 entra in vigore un terzo livello decisorio per tutelare i consumatori

Nuovo importante aggiornamento normativo per il mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale. A partire dal 1° gennaio del 2018, infatti, nei casi in cui un problema con la propria fornitura non venga risolto con il reclamo all’operatore e con la successiva conciliazione si avrà a disposizione una nuova possibilità. Su richiesta del cliente finale, infatti, sarà la stessa Autorità per l’energia ad avere la possibilità di risolvere, una volta e per tutte, la controversia creatasi con l’operatore e non risolta dopo il reclamo e la conciliazione seguente.
Confronta le tariffe per l’energia elettrica
Nella prima fase, questo terzo livello potrà essere disponibile solo nel caso in cui l’operatore che fornisce il servizio di energia elettrica e/o gas naturale non si sia presentato alla conciliazione, non rispettando, quindi, l’obbligo previsto dalla normativa. In futuro, inoltre, il servizio potrà essere ampliato ed esteso in modo graduale ad altre casistiche.

Il nuovo regolamento per la tutela del consumatore è, quindi, strutturato su tre differenti livelli. Il primo livello è rappresentato dal reclamo che andrà effettuato al proprio fornitore. In caso di mancata risposta o di risposta insoddisfacente si passerà al secondo livello, la conciliazione che rappresenta una condizione obbligatoria per un eventuale successivo ricorso al giudice.
Confronta le tariffe per il gas naturale

Nei casi in cui la conciliazione non porti ad una soluzione definitiva, a partire dal prossimo gennaio 2018 entra in vigore anche il terzo livello in cui l’Autorità può essere chiamata a decidere su tutti i casi non risolti. Da notare che l’utente dovrà presentare la richiesta del terzo livello entro 30 giorni dalla conclusione del tentativo obbligatorio di conciliazione. Come detto in precedenza, in futuro questo sistema sarà esteso a nuove casistiche.

La delibera 639/2017/E/com è disponibile sul sito dell’Autorità per l’energia disponibile al seguente link www.autorita.energia.it

Commenti Facebook: