Come trasportare gli animali in auto

Il trasporto degli animali in auto è regolato con grande precisione dal Codice della Strada e chi non rispetta le decisioni in materia rischia di dover pagare sanzioni anche piuttosto elevate. Naturalmente, il modo più corretto per trasportare un cane o un gatto non ha solo un risvolto legislativo, ma soprattutto riguarda la salute e il comfort degli animali domestici lungo il trasporto. Qui di seguito, tutti i consigli su come comportarsi.

Tutte le regole per assicurare un viaggio confortevole ed evitare sanzioni

Cosa si rischia quando si trasporta un animale

Trasportare un animale domestico in auto significa prima di tutto far sì che il viaggio non sia pericoloso o non comporti stress per l’animale stesso, salvo eccezioni poco abituato a una situazione di questo genere. Per farlo è necessario anche seguire alcun regole stabilite dal Codice della Strada e che possono riguardare anche i problemi in materia di assicurazione auto. Ci sono infatti delle tutele che possono estendere anche agli animali domestici trasportati, come la Kasko.

Per chi viola le regole per il trasporto animali la sanzione amministrativa, in caso di controllo, può andare dai 78 ai 311 euro, con la decurtazione di un punto sulla patente.
Confronta le assicurazioni auto

Il modo giusto per trasportarli

Per cominciare, l’articolo 169 del Codice della Strada vieta il trasporto di più di un animale non domestico «e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida». Per quanto riguarda gli animali domestici invece il numero può anche essere superiore a uno, ma è necessario che questi siano «custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio della Direzione generale della M.C.T.C.». Attenzione, quindi, ad assicurarsi che i divisori che di solito si acquistano siano omologati, per evitare brutte sorprese.

Oltre al rispetto di questa regola, ci si può prendere cura dell’animale domestico durante il trasporto anche in altri modi, ad esempio con attrezzature come il trasportino o gabbietta (il nome tecnico è kennel rigido), soluzione molto adatta quando l’animale è di piccola taglia e non è abituato a restare in auto; ma ci sono anche le cinture di sicurezza per cani. In linea di massima, il trasportino non è per forza necessario se l’animale non costituisce effettivamente un impedimento o un pericolo per la guida, ma se si vuole essere sicuri al 100% è sempre meglio portarselo dietro, ovviamente se la taglia del cane o del gatto lo consentono. Inoltre è sempre necessario avere con sé, per qualsiasi necessità, i documenti relativi al proprio animale domestico.

Commenti Facebook: