Come scegliere un conto corrente

Come scegliere un conto corrente? A tutti i consumatori che si pongono questa domanda la Banca d'Italia mette a disposizione la Guida "Il Conto Corrente in Parole Semplici". Si tratta di un documento che elenca una serie di domande da porsi per identificare il tipo di conto corrente più adatto alle proprie esigenze. Una volta stilato il proprio profilo, utilizzare il comparatore di SosTariffe.it rende più facile identificare i conti correnti più vantaggiosi.

Come scegliere un conto corrente

La Banca d’Italia ha pubblicato una guida che spiega come scegliere un conto corrente. Basta porsi le seguenti 10 domande.

1. Cerco un conto per esigenze personali o della famiglia?

Più sono le persone che utilizzano il conto corrente, più saranno le operazioni che probabilmente verranno effettuate, con il conseguente aumento dei costi.

Tuttavia, sul mercato esistono conti predisposti ai diversi profili utenti, che il comparatore di SosTariffe.it identifica facilmente attraverso i filtri “Conto Minori“, “Conto Giovani“,  “Conto Single“, “Conto Famiglie” e “Conto Pensionato“. Nel processo di scelta, quindi, incominciando definendo il vostro profilo utente.

Ecco i conti per le famiglie »

2. Quante operazioni effettuerò al mese?

In un conto corrente tradizionale, a maggior numero di operazioni più elevati i costi variabili, non previsti però dai più moderni conti a pacchetto. In effetti, se si effettueranno molte operazioni oppure non si sa di preciso quante se ne faranno, meglio evitare i costi variabili attivando un conto corrente a pacchetto, che prevede un costo fisso da pagare al mese/anno e tutte le operazioni illimitate.

In alternativa, può convenire un conto corrente online, che non hanno costi fissi e includono tutte le operazioni gratuite purché effettuati dal canale web.

3. Farò le operazioni online o allo sportello?

Il conto online è sempre più economico, comodo e conveniente. Anche se non si è abituato a navigare su Internet, è conveniente farsi spiegare bene come farlo anziché perdere tempo e denaro recandosi in filiale, dove le operazioni hanno un costo.

Scopri i migliori conti online »

Per operare con la massima sicurezza senza subire frodi è importante, ricorda Bankitalia, chiedere alla banca quali cautele adottare, consultare la pagina dedicata alla sicurezza sul suo sito internet e ignorare sempre eventuali e-mail teoricamente inviati dalla banca.

4. Come effettuerò i prelievi bancomat?

Utilizzare la carta di debito come strumento di pagamento dei propri acquisti con i POS non comporta spese per il cliente, ed è molto più comodo e sicuro rispetto l’utilizzo di contante. Tuttavia, i prelievi allo sportello automatico ATM possono avere un costo, in spese e commissioni, soprattutto se effettuati presso una banca diversa da quella che ha emesso la carta.

E’ importante consultare le condizioni previste dal conto corrente che si desidera attivare rispetto i prelievi. I conti online, ricordiamo, prevedono quasi sempre la gratuità del servizio.

5. Mi serve una carta prepagata?

Con la carta prepagata si possono fare prelievi e acquisti, sia nei negozi sia via internet, ma solo fino all’importo caricato in anticipo sulla carta. La carta si può ottenere anche senza aprire un conto corrente, ed è molto interessante per chi ha bisogno unicamente di fare prelievi e pagamenti e cerca un’alternativa al conto corrente.

Il suo rilascio può avere un costo, mentre i pagamenti per gli acquisti di solito non comportano spese.

Alcune carte prepagate funzionano come un conto corrente e per questo sono chiamate “carte conto”. Una carta conto ha un proprio codice IBAN e così, oltre alle funzionalità di una normale carta prepagata, consente di fare e ricevere pagamenti verso e da altri conti (ad esempio: addebito utenze, bonifici). Leggi il nostro articolo sulle carte prepagate con IBAN per saperne di più.

6. Mi serve una carta di credito?

Con la carta di credito si possono fare acquisti nei negozi, via internet, via telefono e in tutto il mondo, fino a un importo massimo di spesa definito dalla banca o dalla società che emette la carta. Il tetto di spesa di solito è mensile e si riduce dopo ogni acquisto. A differenza delle bancomat, con le carte di credito puoi noleggiare una macchina, acquistare online e prenotare alberghi.

Confronta Carte di Credito »

La carta di credito consente inoltre di prelevare contante agli sportelli ATM sottraendo la somma prelevata da un tetto di spesa mensile. Tuttavia, il prelievo di contanti da ATM prevede generalmente una commissione piuttosto salata.

Il rilascio e l’utilizzo di una carta di credito hanno dei costi per il cliente, come il canone annuo e, quando viene richiesto il pagamento rateale, gli interessi. Per conoscere i costi della carta di credito, bisogna consultare i documenti informativi che la banca deve mettere a disposizione sia presso lo sportello, sia sul sito internet.

Non ti è chiara la differenza tra carta di credito e bancomat? Leggi il nostro articolo Cosa puoi fare con una carta di credito e non con un bancomat?

7. Domicilierò utenze, rate o altri pagamenti periodici?

Il cliente può richiedere che il pagamento avvenga in automatico, riducendo il tempo e l’impegno da dedicare a queste incombenze. È la cosiddetta domiciliazione bancaria o pagamento RID. Non solo è utile ai fini della comodità, ma anche perché ormai moltissime offerte energia elettrica, gas o ADSL accettano unicamente come metodo di pagamento la domiciliazione bancaria.

La domiciliazione bancaria è sempre gratuita con i conti online, mentre può prevedere un costo con i conti correnti tradizionali.

8. Avrò bisogno di un fido?

Bisogna valutare attentamente l’esigenza di un fido. Un eventuale “scoperto” di conto corrente è più flessibile di altre forme di finanziamento ma anche più costoso. Se si pensa di richiedere questo servizio, valutate tutti i costi e i tassi d’interesse previsti dalle diverse proposte, reperibili sempre nei fogli informativi.

9. Servono altri servizi associati, come cassette di sicurezza e deposito titoli?

Spesso le banche offrono conti “a pacchetto”, che comprendono anche servizi accessori al conto corrente. La loro convenienza dipende da quanto il cliente abbia realmente bisogno di questi servizi.

10. Approfitterò per investire con un conto deposito?

Molti conti deposito prevedono l’apertura di un conto corrente associato, per cui può essere conveniente aprire i due conti nello stesso momento, anche perché solitamente l‘apertura dei conti deposito è gratuita.

Anche se i conti deposito non offrono più i rendimenti di prima, continuano a essere vantaggiosi perché non prevedono spese, e perché anche un tasso netto dell’1% è molto superiore all’inflazione.

Scopri i conti deposito »

Come trovare le migliori proposte

Dopo aver capito bene quali sono le proprie esigenze e necessità, occorre confrontare diversi conti correnti per trovare quello più adatto e conveniente.

Utilizzando il comparatore di SosTariffe.it è possibile mettere a confronto i migliori conti correnti e trovare quello che meglio si adatta alle tue esigenze.

Confronta Conti Correnti »

Commenti Facebook: