Come risparmiare sulla bolletta usando i termosifoni

In Italia il 30% della spesa energetica dipende dalle nostre case. Più del 50% di tale consumo è prodotto dal riscaldamento. Di tutta l’energia necessaria per riscaldare una casa, una buona parte si disperde dalle strutture (tetto, muri, finestre) e un’altra dal rendimento dell’impianto termico. Riducendo le dispersioni e utilizzando impianti ad alta efficienza, si può risparmiare dal 20 al 40% delle spese di riscaldamento e sulla bolletta dell’energia elettrica e decurtare le tariffe gas. Vediamo come farlo.

Confronta Tariffe Gas

* Le attività mirate al risparmio cominciano molto prima dell’arrivo del freddo: verificate il buon funzionamento della caldaia in autunno, realizzando la manutenzione annuale e la pulizia almeno un mese prima dell’accensione. Inoltre per una corretta gestione dei fumi bisogna ogni 2 anni effettuare l’analisi dei fumi e, in estate, verificate anche lo stato delle tubature. Il cattivo funzionamento dalla caldaia comporta un’inutile dispersione del calore.

* Spurgate l’aria dai radiatori per tenerli sempre alla massima efficienza. Se il vostro termosifone è vecchio potrebbe non avere una valvola di sfiato dell’aria, in questo caso potete farne istallare una.

Fate ricambiare l’aria della casa aprendo le finestre nelle ore più calde, mai quando la caldaia è accesa.

Regolate la temperatura a 19° C. Per ogni grado in più aumenterete i consumi del 8%. Quindi meglio abbassare la temperatura di 1-2 gradi e indossare un maglione che riscaldare troppo la casa e dover aprire le finestre.

Non coprite i termosifoni con mobili o tende.

I termosifoni sotto la finestra aiutano a riscaldare le pareti più fredde ma lavorano di più. Per migliorare l’efficienza in questi casi basta disporre una tavola di materiale isolante tra parete e termosifone.

Durante la notte spegnete la caldaia o regolate il timer per farla riaccendere qualche ora prima di alzarvi. Se fa troppo freddo potete regolare la temperatura notturna a 16°.

Abbassate le tapparelle durante la notte per mantenere calda la casa. I vetri provocano una grande dispersione del calore interno. Quando possibile, installate doppi vetri nelle finestre e porte finestre.

Chiudete la porta delle stanze non utilizzate come i ripostigli o la stanza degli ospiti, per non far circolare l’aria calda anche in queste stanze.

Coibentate le pareti per impedire la dispersione del calore con l’esterno. Nel caso delle località particolarmente fredde o in montagna, la coibentazione completa delle pareti vi può far risparmiare perfino il 70% della spesa annuale per il riscaldamento.

Se dove costruire o ristrutturare la casa, valutate l’uso dei pannelli radianti a pavimento. Consentono di irraggiare il calore dal pavimento o dalle pareti eliminando del tutto la necessità del termosifone. Questi impianti riscaldano tutta la struttura tramite radiazione (come il sole) e non solo l’aria come fanno gli altri tipi di impianti, perciò il livello di comfort è nettamente superiore e la spesa sostanzialmente minore.

L’uso di una centralina di regolazione automatica della temperatura aiuta a risparmiare molto, perché rileva costantemente la temperatura esterna della casa e la confronta con quella interna mantenendo sempre la massima efficienza. Alcune centraline sono inoltre dotate di un timer che permette stabilire i momenti di accensione della caldaia.

Infine, ricordati che per ridurre la spesa energetica della casa è necessario prima di tutto aderire alla tariffa energia elettrica o tariffa gas più adatta ad ogni situazione. Utilizza il nostro comparatore gratuito per trovare quella che fa per te.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Se anche tu hai consigli su come decurtare le bollette lascia un commento o scrivici a info@sostariffe.it

Commenti Facebook: