Come pagare il bollo auto

Tra le spese che gli automobilisti italiani devono sopportare, oltre a quelle di manutenzione e assicurazione del veicolo, c’è il versamento annuale del bollo auto (o del Superbollo). Il costo della tassa sulla proprietà dell’auto (da pagare anche se il mezzo non circola), si calcola in base alla potenza del veicolo espressa in Kw, riportata sul libretto di circolazione. Ecco dove e come pagare bollo auto.

Versamento della tassa annuale sulle vetture. Ecco dove provvedere al pagamento in modo facile e veloce

Il bollo auto è una tassa automobilistica prevista dal D.P.R. n. 39 del 5 febbraio 1953 che obbliga tutti gli automobilisti al versamento di una somma annuale nelle casse della propria Regione anche in caso di mancato utilizzo del mezzo. L’imposta infatti riguarda la proprietà dell’auto, e non la sua circolazione: ciò significa soggezione al pagamento di tutti gli intestatari di auto (moto o altri veicoli a motore) anche se il veicolo rimane fermo in garage. L’articolo 1 del decreto recita così:

“La circolazione sulle strade ed aree pubbliche degli autoveicoli e dei relativi  rimorchi (…) sono soggette alle tasse stabilite dagli articoli seguenti e dalle annesse tariffe”.

Il costo del bollo auto è calcolato in base alla potenza del veicolo, espressa in Kw e riportata sul libretto di circolazione. Qualora la cifra contenga una virgola, l’importo va calcolato senza considerare le cifre decimali (ad esempio, se il valore espresso in Kw è pari a 50,25 bisogna considerare solo 50). Sempre ai fini del calcolo del bollo, c’è da considerare la classe di inquinamento del mezzo (Euro 1, 2,3,4,5, o 6). I parametri relativi al calcolo servono a rendere trasparente il pagamento dell’imposta stessa, tuttavia, non è necessario trascriverli per effettuare il versamento, bastando il numero di targa del veicolo.

Se hai un’auto di lusso, informati sul Superbollo.

Dove e come pagare il bollo auto

Conoscere l’importo e pagare il bollo auto è operazione semplicissima da effettuare. Per sapere quanto bisogna pagare ad esempio, basta collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate e inserire, nella sezione dedicata, il numero di targa del veicolo. Allo stesso modo, recandosi presso tabaccai convenzionati con Banca ITB o aderenti al polo Lottomatica e fornendo la targa, è possibile conoscere l’importo e pagare contestualmente il bollo.

L’imposta può essere versata anche presso le delegazioni Aci, le agenzie di pratiche auto e gli uffici postali e bancari. Dove custodire, infine, la ricevuta di pagamento? Non sussiste l’obbligo di esposizione del bollo, sarà dunque sufficiente conservarlo con gli altri documenti relativi ala vettura.

Controlli sul pagamento del bollo e sanzioni

Avendo illustrato come pagare il bollo auto, passiamo ora ai controlli sul suo pagamento. Con l’introduzione del Targa System, varchi Ztl ed autovelox saranno utilizzati per scovare gli evasori. Come accadrà per le assicurazioni, i dispositivi leggeranno il numero di targa del mezzo e potranno risalire tramite lo stesso ad eventuali irregolarità e mancati pagamenti.

Quali sono le sanzioni previste per il mancato pagamento del bollo auto e dell’assicurazione? Chi non versa il bollo rischia di ricevere una cartella di Equitalia con richiesta di pagamento dell’importo gravato degli interessi, e l’avvio dell’esecuzione forzata (pignoramento su conti, presso terzi o beni materiali come casa e auto). Chi non è munito di copertura assicurativa obbligatoria invece, rischia sanzioni da 841 Euro fino ad oltre 3.000 Euro.

Se la tua vettura è sprovvista di Rc auto non rischiare, confronta ora le offerte e scova i preventivi più economici su SosTariffe.it!
Confronta preventivi RC auto

 

Commenti Facebook: