Come leggere la bolletta del gas – seconda parte

Imparando a leggere la bolletta del gas potete conoscere tutti i dettagli del vostro consumo, e di conseguenza, potete confrontare con precisione le diverse tariffe gas disponibili e trovare la più conveniente per voi, dato che in Italia il mercato del gas è libero.

In questo caso, ci serviremo di una bolletta del gas appartenente a ENEL, in particolare l’offerta E-light Gas, come esempio.

La bolletta del gas è sempre divisa in tre parti: Sintesi, Dettaglio e Comunicazioni. Se avete aderito ad un’altra offerta, che non preveda il pagamento online tramite addebito bancario, allora troverete nella bolletta anche un quarto foglio, che corrisponde al Bollettino Postale prestampato.

In precedenza, abbiamo pubblicato una guida per leggere la prima parte della bolletta del gas, ovvero la Sintesi. Adesso, cercheremo di far luce su come interpretare il Dettaglio e le Comunicazioni.

Parte 2: Il Dettaglio

La seconda pagina della bolletta contiene il dettaglio delle letture, consumi e importi da pagare. Se quest’informazione è molto lunga, potrebbe occupare più di una pagina.

La prima informazione presente nel margine superiore di questo foglio contiene un riepilogo con il Dettaglio delle Letture. Vengono specificati il Tipo di Bolletta, in genere sempre di “acconto” perché si riferisce alla fatturazione della rata concordata in fase di stipula del contratto.

Dato che la bolletta viene inviata ogni due mesi, di norma vi sono due righe in questo riepilogo, con le letture stimate alla fine di ogni bimestre. Soltanto nella settima bolletta i valori presenti in queste righe corrispondono alle letture rilevate dal Distributore nel corso del periodo fatturato.

A differenza dei Dati Consumi riportati nella prima pagina della bolletta, questo riepilogo contiene tutte le letture d’importanza per il calcolo del consumo.

In caso fossero presenti delle letture rilevate, verrà riportato nella bolletta anche il Consumo Rilevato, calcolato dalla differenza delle stesse.

Subito dopo, si trova il riquadro Dettaglio Importi Bolletta, il quale informa sullo sviluppo del calcolo che ha determinato il totale della bolletta.

Nel Totale Servizi di Vendita, si trovano i corrispettivi legati alle attività di vendita di Enel, suddivisi in Quota Fissa e Quota Energia.

La Quota Fissa compare sempre, anche quando non si sono verificati consumi di gas nel periodo di riferimento della bolletta, purché l’utenza sia ancora attiva. Questa quota comprende il Corrispettivo Attività Commerciali, che rappresenta i costi fissi di gestione commerciale del fornitore, ed è commisurata al prezzo fissato dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

La Quota Energia invece compare in bolletta solo se si è consumato gas nel periodo di riferimento, ed è proporzionata al volume dei propri consumi. Questa quota comprende la Componente Sostitutiva della CCI, che rappresenta i costi relativi all’acquisto della materia prima gas, e subito dopo gli Oneri aggiuntivi, che coprono i costi legati all’approvvigionamento di gas naturale.

Di seguito, si trova il riquadro Totale Servizi di Rete, in cui vengono riportati i costi relativi alle attività proprie del Distributore, ad esempio i servizi di Trasporto, Distribuzione e Misura.

Anche questo totale viene suddiviso in una Quota Fissa e una Quota Variabile. Quella Fissa, come in precedenza, compare anche quando non si è verificato alcun consumo nel periodo.

La Quota Variabile invece compare solo se sono stati effettuati consumi, è espressa in Standard metri cubi ed è suddivisa in scaglioni di consumo annuo.

Al termine dei dettaglio, si trova un ulteriore riquadro che illustra il Totale Imposte. Le imposte vanno sommate ai precedenti Totale Servizi di Vendita e Totale Servizi di Rete, generando il Totale Fornitura di Gas e Imposte. Questo importo viene riportato anche nella prima pagina della bolletta.

Subito dopo, si trova la somma di tutti i totali con l’Iva. L’Iva, calcolata sulla somma di tutte le voci della bolletta, per gli usi domestici è del 10% per i consumi gas fino a 480 metri cubi, mentre per consumi oltre quella soglia e le quote fisse, viene applicata l’aliquota del 20%.

Lo stesso importo viene riportato nella pagina di Sintesi della bolletta, e rappresenta il totale a pagare del periodo di riferimento.

Parte III: le Comunicazioni

La terza parte della bolletta, le Comunicazioni, raccoglie molte informazione utile per il cliente. Nella prima parte della pagina, intitolata Comunicazioni Relative alla Sua Fornitura, si trovano dei dati specifici quali il prezzo di vendita del gas al momento di emissione della bolletta, informazione sui programmi a punti Enel, ecc.

Di seguito, si trova il riquadro Informazione per i Clienti, con indicazioni generiche valide per tutti i clienti Enel. Ad esempio, le diverse modalità per effettuare il pagamento della bolletta, l’assicurazione clienti finali ed altri dati che possono variare tra le diverse bollette.

Vi è una terza e ultima parte della pagina che non è sempre presente, utilizzata dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas nei momenti in cui debba riportare delle comunicazioni.

Infine, se il cliente ha scelto di pagare la fornitura tramite bollettino postale, troverà il modulo prestampato alla fine della bolletta.

Commenti Facebook: