Come funziona The Shukran, il social network dei ringraziamenti

Molto spesso i social network vengono accusati di essere delle miniere di accuse, offese, violenze verbali, polemiche. Eppure, la realtà è ben diversa, e non mancano certamente le ampie aree di positiva interazione e socializzazione. Soprattutto – si dirà tra poche righe – se ci si affida a uno dei primi social network nati appositamente per “ringraziare”: The Shukran.

the shukran
Come funziona The Shukran

The Shukran – dalla parola araba e indiana che vuol dire “Grazie” – è un social network nato proprio per costituire delle reti di persone che desiderano condividere tra di loro esperienze, immagini, pensieri positive o conoscenze. Il tutto, all’interno di un contesto nel quale gli utenti saranno portati a relazionarsi in un network di pace e serenità, dove uno “shukran” sostituirà un “like” di Facebook.

Non è certamente un caso che il team a capo di The Shukran sia multiculturale, e ben composto da un affermato staff di esperti in nuovi media, informatica e relazioni internazionali. Vertice dell’organizzazione è la giovane Suhair El Qarra, una giovane donna di origine italiana (madre) e palestinese (padre), che ha scelto di mettere a frutto parte delle esperienze compiute in giro per il mondo per realizzare uno strumento aperto a tutti.

Confronta offerte Internet mobile

L’interfaccia del social network (accessibile sia da Pc che con Internet mobile) è estremamente semplice e intuitiva e, sebbene vi sia la possibilità di interagire con dei contenuti testuali, immediato sembra essere il richiamo a spingere sulle immagini, trasformando pertanto The Shukran in un prodotto maggiormente ispirato a Instagram, piuttosto che a Twitter o Facebook.

A proposito di Facebook, su The Shukran non ci sono “amici”. L’home page sarà infatti composta dai contenuti inviati da tutti gli utenti, sebbene sia possibile sceglierne alcuni preferiti di cui, evidentemente, non si desidera perdere alcun aggiornamento. I contenuti non appropriati e il linguaggio offensivo sono severamente vietati, e lo staff assicura un continuo monitoraggio e una specifica moderazione per evitare che la pace e l’armonia di The Shukran possano essere in qualche modo messi in crisi da un approccio non in linea con la bontà dell’iniziativa di cui oggi vi parliamo.

Insomma, una buona alternativa per tutti coloro che risentono del clima di frequente ostilità che si può trovare nei social network più noti, e che desiderano rifugiarsi nel prodotto di una start up particolarmente promettente, che continueremo a seguire nei suoi progetti.

Commenti Facebook: