Come funziona Lifestage di Facebook

Facebook è, senza dubbio, il social network più utilizzato e conosciuto del mondo ma, in questi ultimi mesi, il suo appeal sulle giovani generazioni è calato in modo drastico in favore di sistemi di comunicazione più immediati ed innovativi come Snapchat. Per correre ai ripari, Facebook ha creato Lifestage, una nuova app rivolta in particolare agli under 21. Vediamo come funziona la nuova app Lifestage di Facebook.

ALL-IN VIP Smart è disponibile fino alla fine di agosto. Tra i modelli a 0 euro il Huawei P9 Lite e l'iPhone 5S

La nuova app Lifestage di Facebook si presenta come un vero e proprio diario virtuale in cui gli utenti, rigorosamente giovani under 21, possono condividere brevi clip video con i propri contatti. Al momento, l’app, nata da un progetto del product manager 19enne di Facebook, Michael Sayman, è disponibile unicamente per iPhone, smartphone di riferimento per il mercato USA, ma presto arriverà anche su smartphone e tablet Android. L’iscrizione al servizio è disponibile, per ora, solo negli Stati Uniti.
Scopri le migliori offerte della Telefonia Mobile

Una delle particolarità di Lifestage è l’assenza della possibilità di inviare messaggi testuali ai propri contatti (per quello ci sono Messenger e WhatsApp). Gli utenti di Lifestage possono raccontare la loro vita e le loro esperienze con brevi video realizzati direttamente da iPhone e poi caricati in questo particolarissimo video-diario di nuova generazione.

Una delle caratteristiche di Lifestage è rappresentata dall’obiettivo di creare delle community online di giovani che condividono lo stesso istituto scolastico. Al momento della registrazione (disponibile anche se non si ha un account Facebook) si potrà indicare la propria scuola e sarà possibile visionare altri profili di utenti iscritti a Lifestage solo quando il proprio istituto avrà raccolto 20 iscritti.
Scopri le migliori offerte Internet Mobile

Per gli utenti di età maggiore di 21 anni ci sarà, invece, la sola possibilità di condividere video senza poter sbirciare i profili degli altri utenti. Facebook garantisce che agli utenti saranno offerti tanti strumenti per poter segnalare profili irregolari o per bloccare contatti indesiderati.

Con Lifestage, il social network per eccellenza tenta un nuovo esperimento per bloccare il deflusso di utenti verso altre app come la già citata Snapchat che, in particolare oltreoceano, rappresenta una delle applicazioni più utilizzate dagli utenti più giovani. Staremo a vedere se questo esperimento avrà successo.

Commenti Facebook: