Come funziona l'assicurazione infortuni

Nel corso della vita possono verificarsi eventi che provocano lesioni fisiche permanenti o temporanee tali da inabilitare il soggetto all'attività lavorativa. Può trattarsi di incidenti sul lavoro, in auto o in casa, che in base al livello di gravità possono compromettere la situazione economica familiare. Come proteggersi in questi casi? Ecco come funziona l'assicurazione infortuni.

Come funziona l'assicurazione infortuni

Acquistare un’assicurazione che protegga dalla conseguenze economiche di lesioni fisiche più o meno gravi, è indispensabile per affrontare con serenità l’inabilità temporanea o permanente. Come funziona l’assicurazione infortuni? Si tratta di uno strumento che interviene per sopperire alle difficoltà finanziarie della vittima e della sua famiglia. Ecco le sue caratteristiche.

Infortunio e assicurazione

Per definizione l’infortunio è un evento esterno, violento e fortuito, ovvero imprevedibile o inevitabile, che provoca lesioni fisiche o altri stati di infermità. Il danno fisico può avere come conseguenza l’inabilità temporanea o l’invalidità permanente, e compromettere seriamente la possibilità di assolvere ai bisogni economici della famiglia, sia per incapacità lavorativa che domestica (impossibilità di adempiere ai doveri casalinghi come fare la spesa, pulire casa etc etc…). Chi non può più lavorare o occuparsi della casa, se privo di assicurazioni, si troverà in questi casi in serie difficoltà.

Per questo è necessario premunirsi della giusta polizza (nel caso degli infortuni di lavoro sopperisce l’INAIL), soprattutto per i rischi sinistro Rc auto e incidente domestico o nel tempo libero. Nel caso di incidente stradale, la normale assicurazione Rca non è idonea da sola a garantire il risarcimento del danno, perché la copertura per la responsabilità civile opera nei confronti di terzi, di cose appartenenti a terzi e dei passeggeri. Per ottenere l’indennizzo delle lesioni fisiche subite dal conducente in un sinistro con colpa, è necessario acquistare la polizza accessoria facoltativa “tutela del conducente”. Per trovare l’offerta Rca più economica e completa confronta i preventivi utilizzando il comparatore.
Confronta preventivi RC auto »

Gli incidenti domestici invece vengono risarciti solo con l’assicurazione casalinghe INAIL (o polizza infortuni in ambito domestico). Questa polizza è di tipo obbligatorio, e non si rivolge solo alle “casalinghe” in senso stretto, ma anche ad altri soggetti. Essa si rivolge ai soggetti di età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti, che svolgono il proprio lavoro in ambito domestico, per la cura dei componenti della famiglia e della casa senza alcun vincolo di subordinazione, e che prestino l’attività in modo abituale ed esclusivo.

Chi subisce infine un infortunio sul lavoro, sarà coperto dall’assicurazione INAIL per gli infortuni sul lavoro, anch’essa obbligatoria. La polizza in questione è disciplinata dal D.P.R. 1124/65, ed è sempre operativa anche se il datore di lavoro non versa il contributo previsto. Accanto all’assicurazione INAIL esiste l’assicurazione infortuni privata, di cui tratteremo ora.

Come funziona l’assicurazione infortuni

A differenza dell’assicurazione infortuni sul lavoro INAIL, l’assicurazione infortuni privata prevede il pagamento di un premio, a fronte del quale, se si verifica l’evento dannoso (lesione), la compagnia di assicurazioni provvederà a risarcire la vittima. Il costo di una polizza infortuni privata viene calcolata come le altre sul rischio, o meglio, sulla percentuale di probabilità che l’evento dannoso si verifichi: ecco perché nel calcolo del premio finale vengono considerati il tipo di attività lavorativa, lo stato di salute del soggetto, anche pregresso, e la presenza di eventuali malattie.

E’ l’assicurato a scegliere il capitale da assicurare, e potrà scegliere inoltre dei beneficiari (i familiari ad esempio). Chi nomina dei beneficiari delibera che al verificarsi della lesione o della morte (nel caso di assicurazione rischio morte), il risarcimento andrà nelle mani dei soggetti nominati. Mentre l’assicurazione INAIL copre solo gli infortuni avvenuti durante l’orario di lavoro e il rischio in itinere (danni subiti durante il tragitto affrontato per recarsi da casa a lavoro o da lavoro a casa), la polizza privata può coprire a seconda delle necessità del contraente, sia gli infortuni professionali che quelli extra- professionali, che si verificano al di fuori dell’ambito lavorativo e nel tempo libero. E’ importante sapere infine che mentre la polizza INAIL copre anche il casi di “malattie professionali”, la polizza privata compre solo gli infortuni in senso stretto. La malattia nel caso di assicurazione infortuni privata, può essere risarcita solo acquistando apposita garanzia aggiuntiva.
infortunio
Confronta preventivi RC moto »

Risarcimento assicurazione infortuni

Come funziona l’assicurazione infortuni in relazione al risarcimento del danno? Scopriamolo insieme.

Per quel che riguarda la polizza infortuni sul lavoro INAIL, ecco cosa può erogare l’istituto al verificarsi dell’evento lesivo:

  • un’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta pari al 60% della retribuzione media giornaliera per i primi 90 giorni e al 75% della retribuzione media giornaliera dal 91 esimo giorno fino alla guarigione accertata clinicamente. L’erogazione dell’Indennità avviene dal quarto giorno successivo alla data di infortunio o di manifestazione della malattia professionale. I primi 3 giorni sono a carico del datore di lavoro;
  • un indennizzo per le menomazioni dell’integrità psico-fisica (c.d. danno biologico). L’indennizzo viene corrisposto in base a quanto stabilito dalle tabelle nazionali. Per i gradi di menomazione inferiori al 6% non è corrisposto alcun indennizzo. Per i gradi di menomazione che invece vanno dal 6% al 15% viene corrisposto un indennizzo sotto forma di capitale Per i gradi di menomazione che vanno dal 16% al 100% è corrisposto un indennizzo sotto forma di rendita. La rendita, in quest’ultimo caso, sarà composta da una quota che rappresenta l’indennizzo del danno biologico e da un’ulteriore quota per conseguenze patrimoniali;
  • una rendita ai superstiti come prestazione economica destinata ai familiari d

    Commenti Facebook: